100 anni di Franca Valeri, dagli esordi da attrice alla sua scomparsa – Il videoracconto

Di lei il regista Pino Strabioli ha detto: «Non voleva andarsene. Non immaginava il mondo senza di lei»

Valeri non era il suo vero nome. L’attrice che il pubblico ha imparato a conoscere con le maschere della “Signorina Snob” e della “Sora Cecioni” si chiamava Alma Franca Maria Norsa ed è nata a Milano il 31 luglio del 1920. Solo dopo aveva deciso di farsi chiamare Valeri, appassionata dalle poesie del francese Paul Valéry.

Il suo primo incontro con il pubblico avviene durante la trasmissione radiofonica Il Rosso e il Nero, durante la quale debutta con la sua “Signorina Snob”, quella giovane donna che metteva in luce tutte le ipocrisie della borghesia milanese. Un personaggio contrapposto a un’altra sua maschera, la “Sora Cecioni”, popolare romana sempre al telefono con «mammà».

Dalla radio, Franca Valeri è arrivata anche al cinema, al teatro e alla televisione. Ha recitato in Luci del varietà, il primo film di Federico Fellini, ha partecipato agli spettacoli Carnet de notes n. 1 e Carnet de notes n. 2. Nel 1954 Valeri porterà i suoi personaggi anche in televisione.

L’attrice si è spenta oggi, 9 agosto del 2020. Di lei il regista e amico Pino Strabioli ha detto: «Franca Valeri non voleva andarsene. Non immaginava il mondo senza di lei».

Leggi anche: