È morta la cantante francese Juliette Gréco: mise in musica i versi di Sartre e Prévert

Si è spenta a 93 anni. Fu la musa degli esistenzialisti francesi negli anni Quaranta

Si è spenta all’età di 93 anni la cantante francese Juliette Gréco. Lo ha annunciato nella sera di oggi, 23 settembre, la famiglia all’agenzia France Presse. «Juliette Gréco si è spenta questo mercoledì 23 settembre 2020, circondata dai suoi nella amatissima casa di Ramatuelle. La sua è stata una vita fuori dal comune», si legge nel testo trasmesso alla grande agenzia di stampa francese.


Considerata la musa degli esistenzialisti francesi negli anni Quaranta, Gréco mise in musica i versi scritti da autori famosi, come Raymond Queneau, Jean-Paul Sartre e Jacques Prévert. Tra le sue canzoni memorabili,  Si tu t’imagines (1950), poesia di Queneau, Les feuilles mortes (1951), con le parole di Prévert, Je hais les dimanches (1951), con le parole di Charles Aznavour. E ancora, Il n’y a plus d’après (1960), parole e musica di Guy Béart, e Jolie Môme (1961), parole e musica di Léo Ferré.

La relazione con Miles Davis

Nata nel 1927 a Montpellier, Greco iniziò esibendosi come cantante nei caffè di Parigi. Nel 1949 conobbe il trombettista Miles Davis, nella capitale francese per alcuni concerti al Paris Jazz Festival. Gréco e Davis ebbero una relazione, prima che quest’ultimo, tornato negli Usa, cadesse vittima di una profonda depressione. Dopo la fine della relazione con Miles, Greco sposò l’attore Philippe Lemaire, padre dell’unica figlia, nata nel ‘54 e scomparsa quattro anni fa per un tumore.

Leggi anche: