Coronavirus, ultime notizie – Alla Scala di Milano 18 coristi contagiati. Regno Unito, i nuovi positivi rimangono stabili a 20 mila unità

Nel teatro meneghino per ora sono stati cancellati gli spettacoli fino a fine stagione. Nel Paese di Boris Johnson si contano 102 nuove vittime

Ultimi bollettini:

Per saperne di più:

I casi totali da Coronavirus nel mondo sono 43,3 milioni, mentre le vittime accertate sono 1,1 milioni. Secondo gli ultimi dati forniti dalla Johns Hopkins University, gli Stati Uniti sono ancora il Paese più colpito dall’emergenza con 8,6 milioni casi, seguito dall’India, con 7,9 milioni e dal Brasile che conta 5,3 milioni.


REGNO UNITO

EPA/NEIL HALL | Londra

Sono 321.000 i test eseguiti nel Paese

Nel Regno Unito il numero di nuovi contagi da Coronavirus rimane stabile. Nelle ultime 24 ore, infatti, i nuovi positivi restano a quota 20.000 (oggi 20.890, poco più di ieri, ma poco meno dell’altro ieri). I dati arrivano a fronte di ben 321.000 test eseguiti – dopo le ulteriori restrizioni dei giorni scorsi decise dal governo centrale britannico di Boris Johnson e dalle autorità locali di Scozia, Galles e Irlanda del Nord. Il numero dei decessi è invece sceso: nell’ultima giornata le vittime registrate sono 102. Sono circa 8.000 i ricoverati con sintomi.

ITALIA

La Scala

Tra gli organizzatori del teatro è prevista una riunione per fare un punto della situazione

Al teatro La Scala di Milano sale il bilancio di addetti ai lavori trovati positivi al Coronavirus. Ad oggi sono 18: si tratta di coristi. Alla prima tranche di tamponi erano state testate solo le cantanti donne. Risultato? Nove contagiate. Questa volta invece sono stati testati i cantanti: anche tra loro nove positivi. Per due giorni è stata sospesa l’attività delle masse artistiche e dei tecnici di palcoscenico. È stata spostata a domani la riunione del sovrintendente Dominiqye Meyer con i sindacati ai quali spiegherà quali sono le intenzioni per il futuro. Cancellati per la chiusura dei teatri decisa dal governo il balletto Giselle e l’opera Bohème l’intenzione è concentrarsi sulla Lucia di Lammermoor che aprirà la stagione 21/22.

Campania, stop alla circolazione dei minorenni in due Comuni irpini

A Quindici e ad Avella in Campania, i minorenni non potranno più circolare per strada se non per comprovati motivi e comunque in compagnia di un adulto. A deciderlo sono stati i sindaci dei rispettivi Comuni che, preoccupati dall’aumento dei casi positivi hanno predisposto nuove e pesanti restrizioni nei confronti dei residenti d’età inferiore ai 18 anni.

A Quindici, dove la Asl ha registrato ieri 6 contagi (su una popolazione di circa 3 mila persone) la misura entrerà in vigore a partire dalla mezzanotte di oggi. Ad Avella invece, dove la popolazione si avvicina a quota 8 mila, sono stati registrati 59 casi dal 3 luglio scorso. Ieri il sindaco della città, Domenico Biancardi, che è anche presidente della Provincia di Avellino, su Facebook aveva descritto il Dpcm introdotto dal premier Conte era «molto più restrittivo rispetto all’ordinanza emessa ad Avella».

Il premier si prepara a illustrare le nuove misure a Camera e Senato

Giuseppe Conte
EPA/Roberto Monaldo | Il premier Giuseppe Conte

Giovedì 29 ottobre il presidente del Consiglio Giuseppe Conte riferirà al Parlamento sulle misure contenute nel nuovo Dpcm – in vigore fino al 24 novembre – per ridurre i contagi del Coronavirus. La notizia, diffusa da fonti parlamentari, è stata diffusa da Ansa che ha precisato che l’appuntamento sarà prima alla Camera, alle 9.30, e poi al Senato.

Nel nuovo Dpcm firmato ieri, 25 ottobre, il Governo vieta gli spostamenti non necessari. Non solo: no a ospiti in casa, permesso di apertura dei locali dalle 5 alle 18. E ancora stop a feste di matrimonio e cerimonie in generale, stop alle attività in palestra, in piscina. E stop a teatri e cinema.

I contagi corrono nel mondo del calcio: Milan e Nazionale Femminile gli ultimi colpiti

ANSA | Il portiere del Milan Gianluigi Donnarumma

Gianluigi Donnarumma, Jens Petter Hauge  sono i nuovi casi di Covid-19 che attualmente preoccupano il Milan. Tutti asintomatici, sono stati immediatamente sottoposti ad isolamento domiciliare mentre una decina di persone tra ufficio stampa e staff tecnico sono risultate positive a differenza del resto della squadra che invece al momento è negativa. Il Milan aveva già fatto i conti con l’epidemia, con la positività di Zlatan Ibrahimovic.

Intanto il virus è arrivato anche tra le atlete della nazionale di calcio femminile che attualmente registrano tre casi di positività alla Covid-19. Dopo Alia Guagni, difensore dell’Atletico Madrid che ha dovuto abbandonare il ritiro dopo aver contratto il virus, altre due calciatrici sono risultate contagiate. A farlo sapere è la Fgci con una nota ufficiale: «i tamponi hanno evidenziato una bassa carica virale», si legge, «in via precauzionale è stata rimandata la conferenza stampa alle 15 a Coverciano».

A Verona la manifestazione dell’estrema destra contro il Dpcm

Ospedale Borgo Trento, Verona
ANSA/CLAUDIO MARTINELLI | Ospedale Borgo Trento, Verona

Nella giornata di ieri, a Verona, verso la mezzanotte un gruppo di persone appartenenti all’estrema destra veronese si è radunata in Piazza delle Erbe mostrando slogan contro le nuove restrizioni imposte dall’esecutivo. Il gruppo, circa una trentina di persona, ha urlato libertà, libertà percorrendo la piazza. Una protesta che arriva dopo quelle che nei giorni scorsi si sono svolte a Napoli e a Roma, sempre contro le misure imposto dal nuovo Dpcm per contenere la diffusione dei contagi. Intanto, ieri nella regione Veneto sono stati individuati altri 1.400 casi di Coronavirus, dopo i più di 1.700 del giorno prima.

De Luca replica a De Magistris sulle proteste a Napoli: «Non perdo un minuto su chi parla di cose che non capisce»

Vincenzo De Luca
ANSA / CIRO FUSCO | Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca

«Sono le misure più restrittive che si potessero adottare, nell’ambito di una scelta ancora intermedia fatta dal governo. O chiudere tutto per un mese per frenare il contagio o prendere misure rigorose, ma ancora parziali». Commenta così il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, il nuovo Dpcm approvato dal governo.

«Io – spiega al Corriere della Sera – avrei anticipato fortemente alcune decisioni. Ma prendo atto di due novità: la scelta di misure generali e nazionali; la predisposizione di misure a sostegno delle attività produttive. Qualche presa di posizione forte di qualcuno di noi è stata utile per dare una scossa al governo».

De Luca parla anche delle proteste a Napoli: «Il 90% dei cittadini ha dato una prova straordinaria di autodisciplina. E il malessere di chi cerca oggi di difendere un reddito va rispettato e affrontato con misure immediate, sul modello Campania». Il governatore ha replicato anche alle critiche arrivate dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris: «Mi imbarazza perdere anche un minuto su chi parla di cose di cui non capisce nulla».



OMS

Tedros Adhanom Ghebreyesus
EPA/FABRICE COFFRINI | Il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus

Ghebreyesus (Oms): «L’Europa epicentro della pandemia»

Anche l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) non è favorevole al lockdown, se non come misura di ultima istanza. Ad ogni modo, come ha sottolineato il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus a tutti sono richiesti «compromessi e sacrifici». «Non possiamo avere la ripresa economica che vogliamo e vivere le nostre vite come facevamo prima della pandemia da Covid-19», ha aggiunto.

L’avvertimento è accompagnato dalla constatazione della gravità della situazione in Europa. Dopo il picco di casi la scorsa settimana, «le unità di terapia intensiva stanno raggiungendo la loro massima capacità in alcuni luoghi, in particolare in Europa e Nord America», continua Ghebreysus, che non esita a definire il “vecchio continente” «epicentro della pandemia» in questo momento.

CINA

Xinjiang, Cina
ANSA | Xinjiang, Cina

I nuovi casi sono stati riscontrati nell’ambito di una campagna per testare ben 4,75 milioni di persone

Nella regione autonoma uigura dello Xinjiang, in Cina, sono stati trovati oltre 100 casi di Coronavirus. Si tratta del cluster più grande da luglio. In totale 26 casi (asintomatici) sono stati rilevati tra le 16 ora locale di ieri e le 16 di oggi, che si sommano ai 137 casi registrati domenica. I casi sono stati riscontrati nell’ambito di una campagna per testare ben 4,75 milioni di persone nell’area di Kashgar, dove il contagio è partito da una lavoratrice di abbigliamento di 17 anni.

La regione a maggioranza musulmana nella Cina nord-occidentale è anche una delle zone più sorvegliate in assoluto. Le autorità locali hanno anche cancellato voli, treni e chiuso delle strade per limitare la mobilità delle persone. I nuovi casi hanno segnato le prime infezioni locali nella Cina continentale dal 14 ottobre, quando ne è stato rilevato uno a Qingdao. La Cina non classifica i casi asintomatici come “casi confermati”. Stando ai dati di domenica, la Cina continentale aveva 85.810 casi confermati di Coronavirus, mentre il bilancio delle vittime del Covid-19 è di 4.634.

UNIONE EUROPEA

Una riunione del Consiglio UE
ANSA | Una riunione del Consiglio UE

Il Consiglio Ue ha deciso di ridurre le riunioni al minimo indispensabile

Anche Bruxelles accusa i primi duri colpi della pandemia. In città «i tassi di contagio sono tra i più alti d’Europa. In considerazione dell’elevato e ancora crescente numero di infezioni, e in consultazione con i partner, la presidenza tedesca del Consiglio dell’Ue ha deciso di ridurre le riunioni fisiche a livello di esperti al minimo indispensabile».

Per questo motivo d’ora in poi in agenda rimarranno solo gli incontri il cui tema riguardi gli interventi di risposta al Covid o per il il funzionamento dell’Ue. Ad ogni modo, i pochi appuntamenti continueranno a tenersi in presenza, e «solo a condizione che il distanziamento sociale e le regole sanitarie possano essere osservate in modo stretto» – ha spiegato il portavoce della presidenza tedesca di turno del Consiglio dell’Ue.

SLOVENIA

Il confine italo-sloveno a Fernetici, Slovenia
EPA/IGOR KUPLJENIK | Il confine italo-sloveno a Fernetici, Slovenia

Sono 10 i nuovi decessi nel Paese

Dalla Slovenia arrivano i primi numeri sull’attività di tracciamento eseguita in questa seconda ondata della pandemia Covid. Secondo quanto riportato ad Ansa dalle autorità sanitarie domenica sono stati eseguiti 3.682 tamponi che hanno confermato 1.115 nuove infezioni da Coronavirus. Questo significa che il Paese ha raggiunto un nuovo record: il rapporto tra casi testati e nuovi casi positivi supera leggermente il 30%. Stando poi ai dati diffusi dal ministero della Salute, sono 10 i pazienti deceduti con il Covid-19, mentre sono 523 i pazienti che necessitano di cure ospedaliere, dei quali 82 in terapia intensiva, 11 in più rispetto al giorno precedente.

SVIZZERA

Ansa | Confine tra l’Italia e la Svizzera a Como

Nuove restrizioni che dureranno a lungo

Arrivano misure rigide anche per la Svizzera e ad annunciarle è stato il ministro della Salute Alain Berset. Questa settimana saranno annunciate le restrizioni anti Covid per tutta la popolazione per provare a contenere una diffusione del virus che comincia a preoccupare. «Quello che stiamo preparando ora durerà probabilmente a lungo», ha aggiunto il ministro, «non prenderemo decisioni mercoledì per venerdì, prenderemo decisioni per le prossime settimane e mesi» ha concluso Berset.

Le autorità sanitarie svizzere hanno annunciato 17.440 nuove infezioni, 259 nuovi ricoveri ospedalieri e 37 decessi correlati alla Covid. Successivamente a questi dati il ministro della Salute ha annunciato l’arrivo delle nuove misure. Finora il Paese alpino ha registrato 121.093 casi e un bilancio delle vittime di 1.914.

GERMANIA

Angela Merkel
ANSA | Angela Merkel

Angela Merkel è preoccupata per l’attuale condizione dei contagi da Covid-19 in Germania e lo ribadisce davanti al direttivo del Cdu, sottolineando come l’aumento delle infezioni vada «assolutamente fermato». La situazione secondo la cancelliera è «altamente dinamica» e «drammatica», una descrizione a cui è seguito un allarme chiaro lanciato per le terapie intensive. L’aumento incontrollato dei contagi potrebbe mettere in serie difficoltà l’assistenza sanitaria del Paese, soprattutto dopo la registrazione degli ultimi numeri. 15.000 i nuovi contagi nel giro di 24 ore i dati osservati sabato scorso.

Jens Spahn, il ministro della Sanità, che è in quarantena a causa della diagnosi di Covid-19 la scorsa settimana, ha fatto appello  affinché le persone «smettano di credere a coloro che stavano tentando di minimizzare la gravità del virus», aggiungendo che il sistema sanitario tedesco è in serio pericolo di essere sopraffatto «se il numero di nuovi casi non sarà tenuto sotto controllo».

BELGIO

Bruxelles, Belgio
PA/OLIVIER HOSLET | Bruxelles, Belgio

Al via il coprifuoco dalle 22 alle 6 del mattino

Tra il 16 e il 22 ottobre il Belgio ha avuto una media giornaliera di 12 mila casi, ovvero il 44% dei sette giorni precedenti. Il Paese è tra i più colpiti dalla seconda ondata di Coronavirus in Europa e il numero di contagi ha raggiunto quota 321.031. Il dato più preoccupante riguarda però i ricoveri ospedalieri, che con una media di 477,7 al giorno hanno visto un incremento dell’85%.

Le persone ricoverate per Covid19 sono al momento 4.827, di queste 757 si trovano in terapia intensiva. Mentre i decessi totali sono 10.810. Da oggi il governo ha imposto nuove misure restrittive sulla vita dei cittadini con un coprifuoco dalle 22 alle 6 del mattino. Chiuse anche i teatri, cinema i palazzetti dello sport, palestre e piscine fino al 19 novembre.

BULGARIA

Sofia, Bulgaria
EPA/VASSIL DONEV | Sofia, Bulgaria

I medici bulgari chiedono una stretta anche sugli eventi sportivi

Con un’impennata dei contagi nelle ultime settimane, la Bulgaria ha adottato nelle ultime 24 ore ulteriori strette sulla vita sociale dei cittadini con la chiusura dei locali notturni nella capitale Sofia. Ad oggi il numero delle vittime è di 1.094, mentre negli ospedali sono ricoverate 2.036 pazienti, 146 dei quali in unità intensive. L’associazione dei medici bulgari ha chiesto urgentemente anche restrizioni agli eventi sportivi. Intanto, da ieri il premier bulgaro, Boyko Borissov, si trova in autoisolamento dopo essere risultato positivo al Coronavirus. In quarantena si trovano anche diversi ministri e viceministri.

INDIA

Bangalore, India
EPA/JAGADEESH NV | Bangalore, India

+45mila nuovi casi nelle ultime 24 ore

Continua ad aumentare il numero di nuovi casi in India, anche se la crescita sembra aver avuto una lieve frenata. Nelle ultime 24 ore il secondo Paese più popoloso al mondo ha registrato 45.148 contagi, un numero inferiore rispetti ai 7080 mila delle scorse settimane. Tuttavia, l’India continua a rimanere seconda al mondo, e dietro agli Stati Uniti con 7,9 milioni di casi totali. Il Paese ha però registrato anche il numero di vittime più basso degli ultimi quattro mesi. Nell’ultima giornata sono stati 480 i decessi segnalati dalle autorità, portando così il totale delle vittime a 119.014.

SUD COREA

Seul, Sud Corea
EPA/JEON HEON-KYUN | Seul, Sud Corea

Vaccini antinfluenzali: 48 morti in un mese. Singapore ne sospende l’uso

Seul sta esortando i suoi cittadini a vaccinarsi contro l’influenza e ridurre le possibilità che la malattia stagionale possa confondersi con i sintomi del Coronavirus. La Sud Corea ha offerto vaccinazioni gratuite, ma l’ansia è alta dopo che 48 persone sono decedute nell’ultimo mese in seguito a vaccinazioni. Le autorità hanno però affermato di non aver trovato alcun legame diretto tra i decessi e i vaccini antinfluenzali e hanno cercato di rassicurare i sudcoreani sulla loro sicurezza.

Tuttavia, il mese scorso, circa 5 milioni di dosi hanno dovuto essere smaltite dopo che non erano state conservate alle temperature raccomandate. Mentre Singapore ha temporaneamente sospeso l’uso di due vaccini antinfluenzali come precauzione dopo questi decessi, diventando tra i primi paesi ad annunciare pubblicamente l’interruzione dell’uso dei vaccini.

Link utili:

Leggi anche: