Ancora una strage di uccelli a Roma. L’Oipa: «Colpa dei botti di Capodanno» – Il video

Secondo l’Organizzazione internazionale protezione animali, i volatili sarebbero morti scontrandosi tra di loro o contro i palazzi ai bordi delle strade, perché spaventati dai fuochi d’artificio

Una strage di uccelli a Roma, in via Cavour, probabilmente a causa dei botti di Capodanno. Le immagini postate dagli utenti sui social media mostrano alcune decine o centinaia di volatili che sarebbero morti schiantandosi tra di loro o contro i palazzi ai bordi delle strade, perché spaventati dai fuochi d’artificio. L’ipotesi è stata sostenuta anche da un portavoce della Lega italiana protezione uccelli (Lipu), contattato dall’agenzia di stampa Agi.


Quella che per la Lipu è un’ipotesi, per l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) è una certezza: «Il Capodanno 2021 fa strage di uccelli a Roma. Sono morti a centinaia gli uccelli, soprattutto storni, che hanno scelto come dormitori gli alberi tra la Stazione Termini e la parte alta di via Cavour. Ogni anno non facciamo che ripeterlo: la vendita di petardi e fuochi d’artificio va vietata e le aziende riconvertite», ha detto infatti il presidente Massimo Comparotto. «Le ordinanze sono inutili, di fatto – ha continuato – i controlli non esistono e ogni anno contiamo centinaia di esemplari morti e feriti tra la fauna selvatica e tanti animali domestici feriti o smarriti a causa dei botti e della distrazione dei proprietari».

Occorre tuttavia ricordare che un fenomeno simile si era verificato anche l’anno scorso, sempre a gennaio ma non a Capodanno. Nelle strade della Capitale erano stati segnalati decine di uccelli morti e all’epoca la Lipu, sentita da Fanpage, aveva spiegato che si trattava di «normali episodi che avvengono tutti gli anni a fine gennaio, quando gli storni migrano verso il Nord Europa. Gli uccelli, infatti, possono incappare in incidenti oppure sbagliare strada».

Video: YouTube / Diego Fenicchia

Leggi anche: