Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

I minorenni che accusano 4 poliziotti di averli picchiati: «Devi abbassare lo sguardo e portare rispetto»

Il referto dell’ospedale parla di escoriazioni e abrasioni, labbra spaccate e ferite agli zigomi

«Quando vedi la polizia devi abbassare lo sguardo e portare rispetto». Questo avrebbero detto quattro poliziotti ubriachi a un gruppo di minorenni prima di picchiarli. Costringendoli a dover ricorrere alle cure mediche dell’Aurelia Hospital. I cui referti raccontano di un labbro spaccato, di escoriazioni, abrasioni e contusioni oltre che una ferita allo zigomo. Il tutto è accaduto la notte di giovedì scorso a Roma e la denuncia è stata presa in carico dal commissariato Aurelio. «Stavamo percorrendo a piedi circonvallazione Cornelia in direzione di piazza della Salle dove c’è un Mc Donald’s», dice la denuncia. «Giunti all’altezza di via Giambattista Pagano sopraggiungevano due volanti della polizia di Stato».


Da queste sono scesi quattro agenti: «uno di corporatura esile e calvo, un altro con la barba incolta e capelli scuri di media lunghezza e accento partenopeo, il terzo con barba corta brizzolata e capelli molto corti e il quarto di corporatura robusta con indosso occhiali da vista». Secondo il racconto i quattro hanno cercato di identificare i ragazzi. Poi li hanno aggrediti senza motivo: «Ve ne dovete andare affanculo sennò ve piamo a pizze», avrebbe detto uno di questi secondo la denuncia. Un ragazzo ha ricevuto uno schiaffo al volto, un altro è stato afferrato per un braccio e sbattuto contro un muro.


Quando uno dei ragazzi ha cercato di avvisare i genitori l’agente gli ha strapapto il telefonino dalle mani e lo pesta con un piede. Altri sono stati messi con le teste contro il cofano della vettura, una Alfa Romeo Giulietta. Poi la frase sulla mancanza di rispetto. Alla fine i poliziotti vengono richiamati da un collega (che non ha partecipato all’aggressione) e se ne vanno. Senza stilare alcun verbale.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: