SUONI E VISIONI

Grammy 2019, tutti i vincitori degli «Oscar della musica»

Open - 11/02/201909:52Aggiornato 11/02/2019 13:07

Lady Gaga e Childish Gambino  sono protagonisti indiscussi della serata, ma tra i premiati ci sono vari nomi interessanti. Su tutte Dua Lipa e la già due volte premiata Cècile Mclorin Salvant, che vince l'award per il miglior album jazz

A un giorno esatto dalla chiusura della sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo, dalla musica italiana ci si sposta su quella internazionale. La sessantunesima edizione dei Grammy, gli "oscar" dedicati alla musica, si è svolta a Los Angeles nella notte italiana del 10 febbraio. Tra Black Power e #Metoo, la scena è stata dominata da artiste donne e autori/autrici afroamericani.

A spiccare su tutti sono Lady Gaga e Childish Gambino, che di riconoscimenti ne conquistano 3 a testa: la prima vince la Miglior esibizione Pop, la Miglior Performance Duo (con Bradley Cooper), e la Miglior Canzone scritta per i Visual Media, mentre il secondo porta a casa i premi per la Canzone dell'anno, il Miglior Video e la Miglior Performance Rap/Sung.

Childish Gambino, "This is America, Canzone dell'anno e Miglior Video

Lady Gaga, “Joanne (Where Do You Think You’re Goin’?)” , Miglior esibizione pop

Altre note di merito: la cantante pop Dua Lipa è incoronata artista dell'anno, mentre Cècile Mclorin Salvant, la giovane cantante jazz di origini haitiane e francesi, ha vinto l'award per il miglior Album Jazz (he Window) per la terza volta in quattro anni (2019, 2018, 2016). Greta Van Fleet, invece, emerge nella categoria Miglior Album Rock. Il miglior pezzo rap se lo aggiudica un già ultranoto Drake (God's Plan), mentre Cardi B diventa la prima donna a vincere per il Miglior Album Rap Solista.

Cècile McLorin Salvant, Miglior Album Jazz

Dua Lipa, Miglior Nuovo Artista

Cardy B, "Invasion of Privacy", Miglior Album Solo Rap

Tutti i premi

  • Canzone dell'anno: "This is America" — Childish Gambino
  • Album dell'anno: “Golden Hour” — Kacey Musgraves
  • Miglior nuovo artista: Dua Lipa
  • Miglior Video Musicale: “This Is America” — Childish Gambino
  • Miglior esibizione pop: “Joanne (Where Do You Think You’re Goin’?)” — Lady Gaga
  • MIglior Pop Duo/Group Performance: “Shallow” — Lady Gaga and Bradley Cooper
  • Miglior Album Pop: "Sweetener” — Ariana Grande
  • Miglior Performance Pop: “When Bad Does Good” — Chris Cornell
  • Miglior Canzone Rock: “Masseduction” — Jack Antonoff and Annie Clark, songwriters (St. Vincent)
  • Miglior Album Rock: “From the Fires” — Greta Van Fleet
  • Miglior Album di musica Alternativa: “Colors” — Beck
  • Miglior Performance R&B: “Best Part” — H.E.R. featuring Daniel Caesar
  • Miglior Album Urban Contemporary: “Everything Is Love” — The Carters
  • Miglior Album R&B: “H.E.R.” — H.E.R.
  • Miglior Performance Rap: “King’s Dead” — Kendrick Lamar, Jay Rock, Future e James Blake e “Bubblin” — Anderson .Paak
  • Miglior Canzone Rap: “God’s Plan” — Aubrey Graham, Daveon Jackson, Brock Korsan, Ron LaTour, Matthew Samuels e Noah Shebib, autore (Drake)
  • Miglior album Rap: “Invasion of Privacy” — Cardi B
  • Miglior Performance Country: “Butterflies” — Kacey Musgraves
  • Miglior Album Country: “Golden Hour” — Kacey Musgraves
  • Miglior Album Jazz Instrumental: “Emanon” — The Wayne Shorter Quartet
  • Miglior Album di Pop Latino: “Sincera” — Claudia Brant
  • Miglior Album Latin Rock, Urban o Alternative: “Aztlán” — Zoé
  • Miglior Album di musica Americana: “By the Way, I Forgive You” — Brandi Carlile
  • Miglior Canzone scritta per i Visual Media: “Shallow” — Lady Gaga, Mark Ronson, Anthony Rossomando and Andrew Wyatt, songwriters (Lady Gaga and Bradley Cooper)
  • Producer dell'anno: Pharrell Williams
  • Miglior Album di Musica Teatrale: “The Band’s Visit” — Etai Benson, Adam Kantor, Katrina Lenk e Ari’el Stachel; Dean Sharenow e David Yazbek; David Yazbek
  • Miglior Composizione Instrumental: “Blut Und Boden (Blood and Soil)” — Terence Blanchard
  • Miglior Remix: “Walking Away (Mura Masa remix)” — Alex Crossan, remixer
  • Miglior Immersive Audio Album: “Eye in the Sky - 35th Anniversary Edition” — Alan Parsons, surround mix engineer; Dave Donnelly, P.J. Olsson and Alan Parsons, surround mastering engineers; Alan Parsons, surround producer
  • Miglior Album di Musica Strumentale Contemporanea: “Steve Gadd Band” — Steve Gadd
  • Miglio Album Gospel: “Hiding Place” — Tori Kelly
  • Miglior Album New Age: “Opium Moon” — Opium Moon
  • Miglior Canzone Roots: “The Joke” — Brandi Carlile, Dave Cobb, Phil Hanseroth and Tim Hanseroth, songwriters
  • Miglior Album Bluegrass: “The Travelin’ Mccourys” — The Travelin’ Mccourys
  • Miglior Album di Classical Blues: “The Blues Is Alive and Well” — Buddy Guy
  • Miglior Album di Contemporary Blues: “Please Don’t Be Dead” — Fantastic Negrito
  • Miglior Album Folk: “All Ashore” — Punch Brothers
  • Miglior Canzone Country: “Space Cowboy” — Luke Laird, Shane Mcanally and Kacey Musgraves, songwriters
  • Miglior Album di Muisca Popolare Americana: “My Way” — Willie Nelson
  • Miglior Composizione Classica Contemporanea: “Kernis: Violin Concerto” — Aaron Jay Kernis, composer
  • Miglior Album Dance/Elettronica: “Woman Worldwide” — Justice
  • Miglior Album Reggae: “44/876” — Sting and Shaggy​​​​​​​
  • Migliore improvvisazione Jazz: “Don’t Fence Me In” — John Daversa, soloist. Track from: “American Dreamers: Voices of Hope, Music of Freedom”​​​​​​​
  • Miglior Album Jazz Vocal​​​​​​​: “The Window” — Cécile Mclorin Salvant​​​​​​​
  • Miglior Performance Metal: “Electric Messiah” — High on Fire​​​​​​​
  • Miglior Performance Rap/Sung​​​​​​​: “This Is America” — Childish Gambino

Leggi anche

Loading ...
Failed to load data.