LA CRONACA

Stop all'hard su Tumblr: così gli utenti del macroblog più famoso al mondo scappano in massa

Redazione - 15/03/201917:46Aggiornato 15/03/2019 18:34

Da dicembre - mese in cui è stato imposto il ban - il traffico di utenze è calato già del 30% e c'è chi fa pronostici ancora peggiori per la piattaforma di microblogging

No porno no party. Stop a post espliciti, media che ritraggono atti sessuali, genitali esposti e capezzoli femminili. Questo è più o meno il sunto del ban sul porno voluto, a dicembre, dai gestori di Tumblr, la piattaforma che ospita blog di utenti da tutto il mondo. Dal momento in cui è stato imposto il divieto per la pubblicazione di contenuti hot, molti però, utenti hanno reagito spiegando che utilizzavano il sito principalmente per sfogliare pagine relative al sesso e hanno minacciato di abbandonare la piattaforma se il divieto fosse stato applicato. 

I no degli autori di blog erotici

«Il sesso non era questa cosa separata, vergognosa. Tumblr ha permesso che esistesse proprio accanto a ogni altra sfaccettatura della nostra esistenza», dice Vex Ashley, che gestisce il blog Vextape che si ispira al suo lavoro di realizzatrice di film porno amatoriali. «Lo abbiamo condiviso, discusso e curato». 

«C'è molto valore nel poter condividere immagini e informazioni sulla sessualità. Questo cambiamento cancellerà anni di contenuti da innumerevoli utenti di Tumblr», afferma l'autore anonimo di Bijouworld, che cura le foto di porno gay vintage, vecchie copertine di riviste e ritagli di giornali. Dice che, secondo lui, anche altri blog incentrati sulla storia dell'erotismo ne soffriranno. «Questo è stato un buon momento per tutti noi di scambiare e combinare le nostre informazioni e conoscenze, quindi spero che possiamo trovare un nuovo modo per farlo» aveva detto a The Verge, rivista online americana. 

Sexual.goalz | Una immagine dal profilo Instagram pubblicata su Tumblr

Bijou Classics, la società per adulti gay dietro il blog, pubblica regolarmente messaggi su Pornhub e mantiene un'ampia presenza sul web su più piattaforme che consentono contenuti per adulti. Ma Tumblr, dice il blogger, ha riempito un vuoto quando la compagnia ha voluto esplorare gli aspetti archivistici e storici del porno gay. «Penso che Tumblr sia unico ... [era] una delle poche piattaforme che è ampiamente aperta al pubblico e in cui potremmo condividere foto esplicite in qualsiasi tipo di modo». 

I numeri del crollo

Semplice voyeurismo o voglia di parlare apertamente di sessualità, fatto sta che ora sembra che molti utenti siano passati dalle parole ai fatti: il traffico di Tumblr è diminuito di quasi il 30% da dicembre.

 Instagram | Il logo della piattaforma Tumblr

Il traffico globale di Tumblr a dicembre è calato a 521 milioni, ma a febbraio era sceso a 370 milioni. Non solo: le statistiche segnalano una tendenza simile nel numero di visitatori unici. Entro gennaio 2019, solo oltre 437 milioni hanno visitato Tumblr, rispetto a un massimo di 642 milioni di visitatori nel luglio 2018.

 

Leggi anche:

Loading ...
Failed to load data.