LA CRONACA

Il brutto "pasticcio" della Scala, il Teatro restituirà i soldi ai sauditi

Valerio Berra - 18/03/201915:47Aggiornato 18/03/2019 16:35

Il consiglio di amministrazione si è espresso all'unanimità. Per adesso il piano di finanziamenti da 15 milioni di euro è stato bloccato. Il sovrintendente Alexander Pereira non perderà l'incarico, Sala ha assicurato che rimarrà nel suo posto fino al 2020

«A oggi si ritorna al punto zero». Per adesso la partita che coinvolge Arabia Saudita e Teatro alla Scala è sospesa. Il sindaco Giuseppe Sala al termine della riunione del cda ha chiarito che restituirà i fondi versati a fine febbraio dal ministro della cultura saudita, Badr bin Abdullah bin Mohammed Al Farhan. La cifra totale si aggirava sui 3 milioni e 100 mila euro, ed era solo la prima parte di un programma di finanziamenti che in 5 anni avrebbe portato nelle casse del teatro circa 15 milioni di euro.

Non era solo beneficenza. Questo accordo è stato stretto direttamente da Alexander Pereira, sovrintendente del Teatro alla Scala. Con una donazione così ingente, l'Arabia Saudita sarebbe diventata socio e quindi avrebbe potuto avere un posto all'interno del consiglio di amministrazione del teatro. Un piano che aveva scatenato diverse polemiche.

Le polemiche di Attilio Fontana e il parere di Giuseppe Sala

Il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana è stato molto critico su tutta la vicenda: «Il signor Alexander Pereira non mi ha consegnato alcuna documentazione che facesse riferimento al versamento di 3 milioni da lui ricevuto dai Sauditi». E poi: «Ancora più grave è il fatto di aver comunque accettato dei fondi a prescindere dalle decisioni del cda e addirittura prima che questo si riunisse. In qualunque cda, a qualsiasi latitudine, questo comportamento provocherebbe il suo licenziamento».

Foto ANSA | Il sovrintendente del Teatro alla Scala Alexander Pereira

Il sindaco di Milano ha assicurato però che Alexander Pereira rimarrà al suo posto. Giuseppe Sala è il presidente del Teatro alla Scala, un ruolo che gli spetta di diritto come primo cittadino del capoluogo lombardo. La sua opinione sulla vicenda era invece meno schierata, come ha spiegato in un'intervista rilasciata l'8 marzo a margine della presentazione del Premio Internazionale Antonio Mormone: «Ci sta, è l’occasione per rinforzare l’immagine della Scala e delle sue capacità a livello internazionale e, in particolare, in Medioriente».

Leggi anche

Loading ...
Failed to load data.