LA CRONACA

Il siparietto tra Mattarella e Geppi Cucciari: «Ci scusi presidente per quello che le stiamo facendo passare»

Redazione - 27/03/201916:24Aggiornato 27/03/2019 16:34

Alla presentazione dei candidati ai David di Donatello la comica sarda si è rivolta al Capo dello Stato: «Lei è un supereroe». Mattarella: «La ringrazio per questo incontro così brillante»

 

Un simpatico siparietto quello che ha avuto luogo al Quirinale tra Sergio Mattarella e Geppi Cucciari. I due erano alla presentazione dei candidati ai Premi David di Donatello per l'anno 2019. Geppi Cucciari, che ha condotto la cerimonia, non ha risparmiato nessuno dalle sue battute. Nemmeno il presidente della Repubblica a cui ha detto:  «Ci scusi per quello che le stiamo facendo passare come popolo», ha detto Cucciari rivolgendosi al presidente Mattarella. «Vorrei soltanto dirle che a noi ci tranquillizza che lei sia lei. Fa un grande sforzo, anche con la sua muscolatura facciale, perché non fa mai capire quello che pensa. Meriterebbe un premio come attore protagonista, lei è un supereroe».

Il Presidente della Repubblica ha retto il gioco, ma con l'aplomb che lo contraddistingue: «Ringrazio Geppi Cucciari per aver condotto in maniera così brillante questo incontro. Leggere un elenco così nutrito di nomi mantenendo attenta la platea, e anzi, ottenendo qualche sorriso frequentemente, è davvero degno di nota».

Mattarella si è poi soffermato anche sull'importanza del cinema italiano: «Il suo rapporto con la nostra storia è più forte di quanto si creda - ha aggiunto - il David è una competizione che si svolge in una vetrina prestigiosa, ma è anche un'occasione per fare il punto sui problemi e le potenzialità del cinema al fine di una progettualita più ricca. Viviamo in un momento di cambiamento, i linguaggi si modificano e il linguaggio nel cinema non è solo strumento ma è forma espressiva».

Leggi anche

Loading ...
Failed to load data.