FACT-CHECKING

Salvini vs M5S: a che punto è la Tav?

David Puente - 02/02/201917:24Aggiornato 02/02/2019 20:05

Matteo Salvini dice che sono stati scavati 25 chilometri di gallerie, il Movimento 5 Stelle, invece, afferma che siamo ancora a zero. Chi ha ragione e chi ha torto?

Salvini dice «Sì», Di Maio dice «No». Sembra di essere tornati ai tempi del referendum costituzionale dove si affrontavano un Luigi e un Matteo, ma questa volta al posto di Renzi c’è Salvini e il tema è la TAV. Il leader del carroccio valutava un referendum per un punto del Contratto di governo dove gli alleati si erano impegnati a discuterne integralmente «sull'applicazione dell’accordo tra Italia e Francia».

Mentre il vicepremier Salvini dice «Prima si fa meglio è», l’altro vicepremier - Luigi Di Maio - definisce l’opera inutile, sostenendo che non faranno «come le peggiori lobby di questo Paese che vogliono che si inizi a fare la Tav Torino Lione, che è a zero come cantiere». C’è anche uno scontro sul tratto scavato, 25 chilometri per la Lega e «un buco di 5 metri» per il Movimento 5 Stelle. Chi ha ragione?

Quanto è stato scavato fino ad oggi?

Oggi è in costruzione la sezione transfrontaliera della TAV, un totale di 65 km in mano alla società binazionale TELT. Attraverso il sito Telt-sas.com è possibile ottenere gli aggiornamenti sullo stato dei lavori al mese di gennaio 2019, dove leggiamo:

Ad oggi è stato scavato oltre il 15,5% delle gallerie previste per l’opera (tunnel geognostici, sondaggi, discenderie, ecc.) e a Saint-Martin-La-Porte si è superato il 64% dei 9 km della galleria geognostica in asse e nel diametro del tunnel di base.

A Chiomonte lo scavo dei 7 km del cunicolo geognostico è stato completato a febbraio 2017, raggiungendo tutti gli obiettivi geognostici nel rispetto dell’ambiente, dei tempi e dei costi e senza incidenti. La galleria servirà come accesso al cantiere del tunnel di base.

Il primo febbraio 2019 Matteo Salvini si è recato in vista proprio nel cantiere italiano di Chiomonte, accompagnato dal Direttore Generale di TELT Mario Virano, entrando nel cunicolo esplorativo di 7 Km terminato nel febbraio 2017.

Nel sito Telt-sas.com è possibile vedere anche l'avanzamento in formato grafico:

A cosa serve il tratto visitato da Matteo Salvini? Lo spiega sempre Telt-sas.com:

Questo tunnel serve per conoscere la struttura della montagna in cui passerà la nuova linea Torino-Lione, come avvenuto per le discenderie realizzate in Francia. La galleria, completata a febbraio 2017, servirà come accesso al cantiere del tunnel di base e, quando questo entrerà in funzione, come condotto di ventilazione, manutenzione e passaggio di sicurezza.

Non si parla solo di quel tratto, in un documento pubblicato sul sito della Presidenza di Governo di giugno 2018 (con dati al 31 ottobre 2017) scopriamo che sono state costruite altre gallerie:

In questa complessa fase, affidata al promotore pubblico LTF, il progetto ha subito rilevanti trasformazioni sul lato italiano a seguito delle richieste del territorio e delle indicazioni formulate dall’Osservatorio. Contemporaneamente alle fasi di progettazione sono stati scavati oltre 21 km di gallerie.

L'affermazione di Matteo Salvini sui 25 chilometri è corretta? Nel documento del 2018 si afferma che sono stati scavati 21.300 metri (21,3 km) di gallerie, tra questi i 1.808 metri (1,8 km) della «Discenderia complementare di Saint-Martin-la-Porte». Sul sito del TELT si parla di questa Discenderia lunga 9 km, ma allo stato attuale si riporta che sono stati scavati 6.396 metri (6,3 km), un avanzamento che farebbe aumentare il totale degli scavi ai 25 km citati dal ministro dell'Interno.

Nel documento del Governo non viene riportato il tratto scavato a Chiomonte, sommando questi ai restanti la cifra aumenterebbe. Comunque, a quanto leggiamo nel documento del TELT aggiornato al 2019 «su 162 km di galleria da realizzare, a ottobre 2018 raggiunto il 15% del totale e contrattualizzato il 21% del totale».

Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev 

 

Salvini ha ragione e il M5S torto? No.

Sembra assurdo, ma sono stati messi sul tavolo della discussione due dati diversi. Salvini ha riportato quelli relativi alle gallerie esplorative, non al vero e proprio tunnel dove viaggeranno i mezzi che al momento sta a zero, come sostiene il Movimento 5 Stelle. Ne avevamo parlato in un articolo e un video l'undici gennaio 2019.

Il soggetto non è ben precisato da parte di Salvini e il M5S, ma in sostanza hanno "ragione" entrambi a seconda del punto di vista in cui si vuole trattare l'argomento.

Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev  

Loading ...
Failed to load data.