IL MONDO

Il Papa scrive a Maduro: «Noi neutrali, ma preoccupati per la sofferenza del popolo venezuelano»

Redazione - 13/02/201908:49

Il Pontefice si firma «Francisco» e chiarisce che l'unica mediazione possibile è quando le due parti mettono davanti il bene comune

Dopo le molte richieste di mediazione il Papa ha risposto a Maduro. Nella lettera Bergoglio si rivolge a Maduro con «Signore» e non come «Presidente». Le parole del pontefice sono pacata e lasciano posto a un velo di rassegnazione. Nella lettera, riportata dal Corriere della Sera, Bergoglio ricorda i molti tentativi fatti in passato per riportare stabilità al Venezuela,«Purtroppo, tutti si sono interrotti perché quanto era stato concordato nelle riunioni non è stato seguito da gesti concreti per realizzare gli accordi», afferma il Papa.

Dall'inizio della crisi la Santa Sede ha assunto una posizione neutrale ma, scrive Bergoglio, «le parole sembravano delegittimare i buoni propositi che erano stati messi per iscritto». Un chiaro appunto a Maduro e alle false promosse da cui non sono scaturite azioni.

Maduro chiede la mediazione del Pontefice, ma il Santo Padre ci tiene a chiarire che l'unica mediazione possibile è quella «che si intavola quando le differenti parti in conflitto mettono il bene comune al di sopra di qualunque altro interesse e lavorano per l’unità e la pace». 

Già nel 2016 il Vaticano era intervenuto in Venezuela attraverso una lettera consegnata al cardinale Parolin in cui si invitava a Maduro a trattare con il Tavolo di Unità Democratica. «La Santa Sede», ricorda Francesco, «segnalò chiaramente quali erano i presupposti perché il dialogo fosse possibile». Quel monito cadde nel vuoto e oggi Papa Francesco nella chiusura della lettera esprime tutta la sua preoccupazione per «la sofferenza del nobile popolo venezuelano, che sembra non avere fine».

Sullo stesso tema

 

 

 

Loading ...
Failed to load data.