IL MONDO

In Germania, un tweet antisemita contro un giocatore della nazionale israeliana

Redazione - 10/03/201920:27Aggiornato 11/03/2019 11:18

È successo durante la partita della seconda divisione a Berlino, FC Union Berlin-Ingolstadt. Il governo israeliano si dice «scioccato»

Una partita di calcio, un cartellino rosso e un tweet antisemita. È successo in Germania venerdì scorso, 8 marzo, nel corso della partita della seconda divisione a Berlino, FC Union Berlin-Ingolstadt. Al 65', il giocatore israeliano Almog Cohen, centrocampista dell'Ingolstadt e giocatore della nazionale israeliana, riceve un cartellino rosso. E online compare un tweet di un utente che appare come un sostenitore della FC Union Berlin. Il supporter si augura che Cohen «sparisca in una gaskamer»: le camere a gas usate dai nazisti per uccidere gli ebrei durante l'Olocausto.

Le reazioni

«Siamo scioccati dal tweet antisemita contro Almog Cohen e ci aspettiamo che le autorità tedesche intraprendano un'azione decisa contro il colpevole», dice all'agenzia AFP il portavoce del ministero degli Esteri israeliano, Emmanuel Nahshon. Il governo israeliano si dice «scioccato» dal tweet antisemita. Sull'episodio sta indagando la polizia dopo che la FC Union Berlin ha presentato denuncia per istigazione all'odio. Il tweet antisemita è stato condannato da entrambe le società calcistiche.

«Mi vergogno di questi tifosi dell'Unione», dice in una nota il presidente del club Dirk Zingler. «La FC Union si basa su valori umanistici e democratici: chiunque non condivida questi valori non ha posto nel nostro club o nel nostro stadio».

Le parole di Almog Cohen

Ma dai social arriva anche sostegno e solidarietà nei confronti del calciatore trentenne. «Almog, non sarai mai solo!», scrive su Twitter l'ambasciatore israeliano in Germania, Jeremy Issacharoff. Cohen vive in Germania da nove anni. Con una serie di tweet ha voluto ringraziare i suoi sostenitori. «Come calciatore professionista ebreo in Germania voglio solo dire: sono molto orgoglioso della mia eredità e di rappresentare il mio paese in seconda divisione ed essere capitano», scrive. «Un grande ringraziamento al mio club che mi offre il supporto e quindi la forza per affrontare qualsiasi situazione».

Leggi anche

Loading ...
Failed to load data.