PRIMO PIANO

Fact checking: le foto di Amatrice e la propaganda contro l'accoglienza

David Puente - 08/01/201919:55

Le polemiche contro i sindaci pro accoglienza passano per Amatrice, ma attraverso informazioni manipolate e una scarsa memoria

Le critiche nei confronti dei sindaci pro accoglienza passano improvvisamente da Amatrice. Per quanto distanti geograficamente, le narrative contro i cosiddetti “buonisti” si sono rafforzate attraverso l’uso dei social accusando i sindaci di essere troppo impegnati a parlare di migranti anziché dei terremotati “abbandonati dal PD”.

Ai fini della propaganda vengono diffuse foto diventate simbolo delle zone terremotate, ma sono le stesse pubblicate nel 2017 in una galleria fotografica di TGCom24. Nonostante l’evidenza, gli utenti impongono la presunta attualità delle stesse: “Questa è Amatrice oggi” scrive Nicodemo, “guardate com'è tutt'oggi Amatrice” scrive Valeria, “Foto di adesso non del 2017” scrive Adry:

Questa è #Amatrice. Per ricordarlo agli "amici" del PD, Orlando e compagnia bella. Foto di adesso non del 2017, spero che il Governo si muova subito. Sono ITALIANI!

La miccia social è stata accesa e la narrativa passa agli articoli dove non si riporta una notizia, ma un attacco verso i sindaci e i cosiddetti “esponenti del buonismo” come Roberto Saviano, Laura Boldrini e persino Papa Francesco. Articoli come quello pubblicato da Il Primato Nazionale dove viene messo nel calderone anche il presidente Sergio Mattarella in seguito al suo discorso di fine anno in sostegno dei migranti:

Saviano, tace: esattamente come i vari Biancalani, Bergoglio, Boldrini e Mattarella. Per la narrazione buonista, troppo impegnata a parlare di naufraghi, porti da aprire e vite umane da salvare, gli abitanti di Accumuli e Amatrice non esistono.
[...]
Amatrice ed i suoi abitanti non fanno più notizia: mediaticamente, poco rilevanti. Cronologicamente, fuori tempo: la contraddizione di chi necessita d’aiuto, per poi esserne ignorato.

 La foto della tenda innevata su TGCom24 nel 2017

Ho contattato il sindaco di Amatrice, Filippo Palombini, per sapere la reale situazione della città e dei suoi cittadini:

La neve in montagna c’è sempre stata, non è che ci lamentiamo della neve e non ci sono state nevicate importanti. È chiaro che sta nevicando, c’è della neve in una situazione fragile specialmente sulla rete stradale e sugli alloggi temporanei, che comunque sono piccoli villaggi meno confortevoli dei tempi di pace prima del terremoto. Non è che esistono strutture provvisorie, tendopoli o cose del genere. Le persone ormai sono tutte quante dentro queste soluzioni abitative di emergenza fatte dallo Stato che sono gestibili, gestite con i loro problemi. Riguardo la neve direi che non è il nostro problema. La situazione è migliore o peggiore rispetto all’anno passato? Dal punto di vista psicologico peggiore. Dal punto di vista strutturale forse un po’ meglio, ma dal punto di vista della testa il senso di abbandono è peggiore. Ci sono regole approssimative, poco coraggio, poca serietà. Questo è stato un anno in cui durante le feste ci hanno fatto capire che siamo più soli dell’anno passato.

Pubblicare le foto delle tende provvisorie e delle forti nevicate del 2017 spacciate per una situazione odierna non corrisponde a maggior ragione a verità, quanto piuttosto un atto di propaganda che sfrutta i cittadini di Amatrice e le istituzioni locali che si sentono più abbandonate rispetto agli anni precedenti. I sindaci come Leoluca Orlando vengono colpevolizzati perché non pensano ai terremotati, ma in tutta questa narrativa è mancata la testimonianza del sindaco di Amatrice e il Governo del Cambiamento, formato dal Movimento 5 Stelle insieme all'alleato Lega dei “prima gli italiani”, che più di tutti oggi dovrebbe occuparsi del destino dei residenti della cittadina reatina.

Nel frattempo Forza Italia critica via Facebook sia il precedente Governo che quello del Cambiamento, ma sbaglia la foto spacciandola per una scattata nel 2019 quando risale sempre al 2017:

 La foto della tenda innevata su TGCom24 nel 2017

Aggiornamento 9 gennaio 2018

Nonostante tutto c'è chi continua a commettere l'errore. Questa volta è toccato a Giorgia Meloni che, un giorno dopo il nostro articolo, condivide tramite la sua pagina Facebook una delle foto del 2017.

Presidente Conte, non è che sull’aereo col quale vuoi andare a prendere i migranti a Malta c’è posto pure per i terremotati di Accumoli e Amatrice sommersi da una montagna di neve?

 

Leggi anche:

Loading ...
Failed to load data.