PRIMO PIANO

Ora vi facciamo vedere come è davvero la situazione ad Amatrice

David Puente - 10/01/201921:00Aggiornato 24/01/2019 15:23

Non si ferma la strumentalizzazione dei cittadini di Amatrice nella propaganda contro i migranti appena sbarcati dalla Sea Watch. Abbiamo qualcosa da mostrarvi

La strumentalizzazione dei cittadini di Amatrice non si è placata. In seguito ai nostri due articoli riguardo le fotografie utilizzate per raccontare la presunta e odierna situazione dei terremotati, e nonostante la testimonianza del sindaco, ecco che gli utenti che hanno condiviso le immagini fasulle (come la foto del campo profughi in Libano) ci scrivono “Vai ad Amatrice di persona”, “Fidati che nevica!”, “Forse ad Amatrice è pure peggio!”. Abbiamo qualcosa da mostrarvi.

Quelle che riporteremo di seguito sono le foto scattate questa sera, e inviate alla nostra redazione, nei luoghi di maggiore interesse per tutti coloro che si domandavano quale è la reale situazione dei terremotati ad Amatrice.

C’è la neve? Assolutamente normale per una località montuosa e ci stupisce questa incredulità, ma nulla a che fare con le foto riportate dagli utenti della propaganda prelevate dal passato o da altri contesti.

Ecco la dichiarazione completa del sindaco di Amatrice, Filippo Palombini, che vi avevamo riportato in parte in un precedente articolo:

La neve in montagna c’è sempre stata, non è che ci lamentiamo della neve e non ci sono state nevicate importanti. È chiaro che sta nevicando, c’è della neve in una situazione fragile specialmente sulla rete stradale e sugli alloggi temporanei, che comunque sono piccoli villaggi meno confortevoli dei tempi di pace prima del terremoto. Non è che esistono strutture provvisorie, tendopoli o cose del genere. Le persone ormai sono tutte quante dentro queste soluzioni abitative di emergenza fatte dallo Stato che sono gestibili, con i loro problemi. Riguardo la neve direi che non è il nostro problema. La situazione è migliore o peggiore rispetto all’anno passato? Dal punto di vista psicologico peggiore. Dal punto di vista strutturale forse un po’ meglio, ma dal punto di vista della testa il senso di abbandono è peggiore. Ci sono regole approssimative, poco coraggio, poca serietà. Questo è stato un anno in cui durante le feste ci hanno fatto capire che siamo più soli dell’anno passato.

Alcuni continuano, imperterriti, ad utilizzare queste e altre foto in maniera scorretta per parlare dei migranti e in particolare di quelli appena sbarcati dalla nave Sea Watch. Persone che non capiscono che queste pratiche danneggiano tutti, inclusi i cittadini di Amatrice e dintorni che sono consapevoli dei loro problemi e vorrebbero essere raccontati degnamente e soprattutto onestamente. Chi non capisce questo punto è in malafede.

Ci stanno arrivando altre testimonianze, se volete inviarci le vostre contattateci tramite la nostra pagina Facebook.

Leggi anche: 

Loading ...
Failed to load data.