PRIMO PIANO

Hai diritto al reddito di cittadinanza? Te lo dice l'Inps

Maria Pia Mazza - 12/01/201919:26

Tutte le novità presenti nella bozza del decreto, il cavallo di battaglia del Movimento Cinque Stelle. L'istituto avrà l'autorizzazione a «inviare comunicazioni informative mirate». E bisognerà accettare il lavoro entro un anno anche se si tratta della prima offerta

Arrivano novità sulla bozza del decreto sul reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia elettorale del Movimento Cinque Stelle. Secondo le parole del vicepremier Luigi Di Maio, la misura verrà approvata nel prossimo Consiglio dei Ministri, che si terrà giovedì 17 gennaio, dopo il rinvio nella giornata di venerdì 11 gennaio.

 

Stando alla bozza, l’Inps avrà l'autorizzazione a «inviare comunicazioni informative mirate» a tutti i potenziali destinatari, ossia a tutti i nuclei familiari o persone che presentano un Isee compatibile con la misura: in sostanza l’Inps invierà una lettera a casa a tutti i potenziali beneficiari. L’Inps, inoltre, avrà a disposizione 30 giorni per creare tutti i moduli necessari per poter permettere di richiedere il sussidio a chi è interessato. 

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, una misura per i giovani?

Una volta presentata la documentazione, si dovrà obbligatoriamente accettare la prima offerta di lavoro utile e congrua, trascorsi 12 mesi, anche se sarà la prima: pena la perdita del supporto economico. Se l’offerta di lavoro arriverà nei primi 6 mesi, si dovrà accettare il primo lavoro offerto nel raggio di 100 chilometri dalla propria residenza. Passati i 6 mesi l’offerta congrua di lavoro dovrà essere accettata fino a 250 chilometri dal proprio domicilio. Chi percepirà il reddito per più di 18 mesi dovrà accettare un lavoro su tutto il territorio nazionale, a eccezione dei nuclei familiari con minori o disabili. A tutti quelli che acconsentiranno al trasferimento, verranno corrisposte «a titolo di compensazione per le spese di trasferimento sostenute tre mensilità aggiuntive di RdC.

Leggi anche: Il reddito di cittadinanza "a vita"? Un rischio concreto

Il reddito di cittadinanza verrà erogato mediante una carta. Sarà possibile utilizzarla anche per effettuare bonifici per pagare le spese d’affitto della casa e, secondo la bozza, presenterà delle limitazioni nel prelievo del contante. Le famiglie potranno prelevare al massimo 210 euro mensili, mentre i single potranno ritirare solo 100 euro al mese. Al momento non risulta essere confermato il divieto di utilizzo del RdC per le cosiddette “spese immorali”, in cui sono incluse le spese per il gioco d’azzardo. 

Leggi anche: Cambia il reddito di cittadinanza: "Coinvolgeremo i privati"

Sono infine presenti in bozza «misure non monetarie ad integrazione del reddito di cittadinanza», come agevolazioni per l’uso dei trasporti pubblici, sussidi per casa, istruzione e salute. 

Loading ...
Failed to load data.