PRIMO PIANO

Un invito alla felicità: dieci citazioni per ricordare Mary Oliver

Open - 18/01/201918:04Aggiornato 18/01/2019 19:04

Open ha selezionato una serie di versi tra la corposa produzione letteraria del Premio Pulitzer americano

Ieri, 17 gennaio, all'età di 83 anni, ci ha lasciati Mary Oliver, poetessa statunitense autrice di più di 20 volumi in versi. In continuo dialogo con la natura, Oliver è stata espressione profonda di quell'attaccamento al paesaggio tipico di gran parte della produzione americana, vissuto nelle penne di filosofi e poeti che hanno fatto la storia del Paese -  da Ralph Waldo Emerson fino a Walt Whitman e Henry David Thoreau. 
 


Oggi più che mai, la morte del Premio Pulitzer per la raccolta American Primitive (Little, Brown & Company, 1983) riapre una questione fondamentale della letteratura mondiale: l'importanza della traduzione. Un lavoro di «formica e di cavallo» , come scriveva Natalia Ginzburg nella Nota del traduttore affiancata alla sua versione italiana di Madame Bovary di Flaubert. Un rapporto tra due firme che, tramite la «minuzia» della scelta lessicale, riesce a restituire al testo il suo «impeto» originario. 
 


Purtroppo, sono poche le poesie di Mary Oliver tradotte in italiano. La mancanza di pubblicazioni ha frenato la reale diffusione nazionale della sua produzione letteraria.
Per quanto sia difficile colmare il vuoto con poche frasi, Open ha selezionato qualche verso in lingua originale, per celebrare gli effetti che hanno avuto sulla sua vita e sulle sue opere il vento del Sud, i rivoli dei fiumi americani e gli alberi selvatici delle pianure. 
 


Oltre al Premio Pulitzer per la poesia, Mary Oliver ha ricevuto anche il National Book Award nel 1992 per il volume New and Selected Poems (Beacon Press).

 

  • «To pay attention, this is our endless and proper work».
    (da Yes! No!)

     
  • «To sit down, like a weed among weeds, and rustle in the wind!
    Listen, are you breathing just a little, and calling it a life?
    While the soul, after all, is only a window,
    and the opening of the window no more difficult
    than the wakening from a little sleep».
    (da Have You Ever Tried to Enter the Long Black Branches?)

     
  • «I don't want to end up simply having visited this world».
    (da When Death Comes)

     
  • «I tell you this
    to break your heart,
    by which I mean only
    that it break open and never close again
    to the rest of the world».
    (da Lead)

     
  • «If you have ever gone to the woods with me, I must love you very much».
    (dalla raccolta Swan: Poems and Prose Poems)
     
  • «​​​​It is a serious thing
    just to be alive
    on this fresh morning
    in this broken world».
    (da Red Bird)

     
  • ​​​«Said the river: imagine everything you can imagine, then keep on going».
    (da At the river Clarion)

     
  • «The stars began to burn
    through the sheets of clouds,
    and there was a new voice
    which you slowly
    recognized as your own».
    (da The Journey)

     
  • «But I also say this: that light
    is an invitation
    to happiness,
    and that happiness,
    when it's done right,
    is a kind of holiness,
    palpable and redemptive». 
    (da Poppies)

     
  • «I want to climb some old gray mountains, slowly, taking
    The rest of my lifetime to do it, resting often, sleeping
    Under the pines or, above them, on the unclothed rocks».
    (da The poet dreams of the mountain)



 

Leggi anche: 
 

Loading ...
Failed to load data.