PRIMO PIANO

Muore durante fermo della polizia. Salvini: «Cosa dovevano fare, dargli cappuccio e brioche?»

Redazione - 19/01/201918:27

Il vicepremier sul caso del tunisino di Empoli colto da malore con manette ai polsi e piedi legati: «Buon sabato ai poliziotti che hanno fatto il loro lavoro ammanettando un violento, un pregiudicato»

Durante una diretta Facebook, Matteo Salvini è tornato a parlare del tragico episodio del giovane tunisino di 31 anni, morto giovedì 17 gennaio a Empoli. «Se i poliziotti non possono usare le manette, che fanno, offrono cappuccio e brioche?», ha commentato il vicepremier.

 

 

Salvini era già intervenuto il giorno dopo l'accaduto dicendo: «Totale e pieno sostegno ai poliziotti che a Empoli sono stati aggrediti, malmenati, morsi». Il commissariato ha confermato di aver «attuato le normali azioni di contenimento» e di aver chiamato l'ambulanza non appena l'uomo si è sentito male. La procura di Firenze ha aperto un'inchiesta: al momento si ipotizza che la morte sia avvenuta per arresto cardiocircolatorio.

Loading ...
Failed to load data.