PRIMO PIANO

Chi è Elio Lannutti, il senatore anti-casta con la passione per le fake news

Redazione - 22/01/201909:26Aggiornato 24/01/2019 13:09

Al centro delle polemiche per la condivisione di un post antisemita sui Protocolli dei Savi di Sion, l'ex Italia dei Valori siede nella commissione Finanze. 

Elio Lannutti, senatore del Movimento 5 Stelle al centro delle polemiche per la condivisione di un post antisemita sui Protocolli dei Savi di Sion, è stato il primo degli eletti nel collegio elettorale Lazio2. Il capo politico del M5S Luigi Di Maio, con una nota, ha detto: «Come vicepresidente del Consiglio e come capo politico del M5S prendo le distanze, e con me tutto il Movimento, dalle considerazioni del senatore Elio Lannutti».


Per le elezioni politiche del 4 marzo, il Movimento 5 Stelle lo sceglie come rappresentante della società civile. Ma è solo un ritorno in Parlamento, visto che era già stato senatore nel 2008: eletto come indipendente nella lista dell’Italia dei Valori, è passato successivamente al gruppo Misto. Dopo quella legislatura scrisse il libro Diario di un senatore di strada: la mia battaglia contro banche e lobby di palazzo. Il tema della lotta alla casta, inizialmente cavalcato dall’Idv di Antonio Di Pietro, viene raccolto dal Movimento 5 Stelle. E Lannutti lo cavalca con entusiasmo. 

Leggi anche: la lettera di Enrico Mentana a Di Maio su un senatore impresentabile

 

Abruzzese, nato ad Archi (Chieti) nel 1948, nel 2015 viene candidato alle Quirinarie, la votazione online promossa dal Movimento 5 Stelle per proporre un nome per la presidenza della Repubblica (c'erano nove nomi di candidati. Vinse Ferdinando Imposimato). Amico di Beppe Grillo da circa 20 anni, partecipa al primo V-day l'8 settembre 2007 a Bologna.


Lannutti torna a Palazzo Madama nel 2018, come membro della commissione Finanze. Ha lavorato per 15 anni come impiegato in un istituto di credito (il Banco di Roma) ed è stato anche sindacalista della Cgil-Fisac. Col tempo, è diventato molto critico verso il sistema delle banche e l’operato della Banca d’Italia (sul caso Carige, insieme al senatore Gianluigi Paragone, aveva invitato il Movimento 5 Stelle ad aprire una commissione d’inchiesta su Bankitalia). Ora è presidente onorario dell’Adusbef, (associazione difesa utenti servizi bancari, finanziari, assicurativi) che lui stesso ha fondato. 


 

Loading ...
Failed to load data.