PRIMO PIANO

+Europa, Della Vedova eletto segretario, battuto Cappato

Redazione - 27/01/201923:57

«Noi alle elezioni europee andremo così». Sono le parole con cui il neo segretario di +Europa Benedetto Della Vedova conclude il suo primo discorso mostrando alla platea il simbolo del partito senza il nome di Emma Bonino

È Benedetto Della Vedova il primo segretario di +Europa. Il coordinatore uscente del partito è stato eletto nel corso della tre giorni di congresso a Milano, con il 55,7% dei voti. Della Vedova ha avuto la meglio sugli altri due candidati alla segreteria: Marco Cappato (30,2%) e Alessandro Fusacchia (14,1%). 

«La direzione di marcia è quella di avere +Europa alle prossime elezioni europee del 26 giugno sulla scheda». Così apre il suo primo discorso da segretario di partito Benedetto Della Vedova dopo il congresso in cui è stato eletto a Milano. «La strada su cui siamo incamminati - spiega Della Vedova - è quella di lavorare sodo per allargare +Europa, per convincere il maggior numero possibile di italiani che noi siamo l'alternativa che cambia l'Italia nel nome dell'Europa».

Nel suo discorso di insediamento da segretario, Della Vedova ha parlato di una "strada segnata" per il partito. «Abbiamo fatto un congresso straordinario, con una qualità della discussione e una pregnanza intellettuale e politica degli interventi che segnano un'alternativa politica sincera e vera rispetto alla discussione politica che abbiamo in Italia». E poi l'impegno per la campagna elettorale: «Abbiamo, da qui al 26 maggio, 4 mesi esatti per lanciare la nostra sfida verso le elezioni europee». «Noi alle elezioni europee andremo così». conclude mostrando alla platea il simbolo del partito senza il nome di Emma Bonino.

Marco Cappato, secondo con il 30,2% di preferenze, ha augurato «buon lavoro» a Della Vedova e ha detto che continuerà a impegnarsi nelle battaglie che sta portando avanti da tempo: «La mia e nostra azione continua, sugli obiettivi federalisti europei e ecologisti che ho portato in Congresso e sui quali mi auguro che Più Europa vorrà comunque impegnarsi». E ancora: «Ogni occasione di confronto e di lavoro comune dovrà essere colta per difendere e promuovere libertà, Stato di diritto e democrazia in Italia e in Europa, a partire dalle iniziative urgenti necessarie contro il riscaldamento globale e per il rispetto dei diritti civili e politici dei cittadini».

Loading ...
Failed to load data.