PRIMO PIANO

Qualità dell'educazione: Italia fanalino di coda in Europa

Felice Florio - 09/02/201907:55

Nel nostro paese il 24% dei giovani rientra tra i Neet: né occupati, né in cerca di lavoro, né iscritti a corsi professionali e università

Uno degli obiettivi dell’Unione europea è migliorare l’educazione e il mondo dell’istruzione nei Paesi membri. All’interno di queste politiche di sviluppo, rientra ad esempio il programma Erasmus+. Nel 2017 la Commissione ha finanziato il progetto per la mobilità di studenti e giovani lavoratori per un totale di 2 miliardi e mezzo di euro.

L’Eurostat ha pubblicato i dati sulla qualità dell’educazione in ogni Stato: l’indagine ha analizzato il quinquennio 2012-2017. L’Italia? Dopo le stime negative sul Pil, anche per i giovani e l’istruzione è tra i Paesi che in Europa se la passano peggio.

Dopo Spagna, Romania e Malta, l’Italia è il quarto paese con il maggior numero di ragazzi che lasciano prematuramente gli studi. Il 14% della popolazione compresa tra i 18 e i 24 anni ha abbandonato scuole o università nel 2017.

Ampliando la platea di giovani, comprendendo tutti coloro che hanno un’età compresa tra i 15 e i 29 anni, il 24% della popolazione italiana si può definire Neet: né occupati, né in cerca di lavoro, né iscritti a corsi professionali e università. L’Italia è ultima in Europa, la situazione è migliore persino in Grecia, Bulgaria, Croazia e Romania.

Restringendo il campione ai cittadini europei di età compresa tra i 30 e i 34 anni, la percentuale degli italiani che ha conseguito un titolo di studio universitario è solo del 26,9%: il dato peggiore dopo quello della Romania.

L’ultimo indicatore utilizzato dall’Eurostat per verificare la qualità dell’educazione nel 2017 riguarda la percentuale degli occupati che hanno trovato lavoro subito dopo la laurea: è l’unico rilevamento nel quale l’Italia mostra una situazione migliore rispetto alla Grecia, paese simbolo dei danni sociali causati dall’ultima crisi economica. Ma non è un paragone che può rincuorare: gli italiani tra i 20 e i 34 anni che lavorano non appena terminati gli studi universitari sono solo il 55,2% del campione.

Dati in controtendenza rispetto al trend degli Stati membri: nell’infografica dell’Eurostat, che fa un raffronto con il 2012, sono rappresentati significativi miglioramenti in ognuna delle quattro aree analizzate per delineare la qualità del sistema educativo dell’Unione europea.

Loading ...
Failed to load data.