PRIMO PIANO

Il centrodestra conquista l'Abruzzo, Marsilio governatore con il 48%

Chiara Piselli - 11/02/201906:09Aggiornato 11/02/2019 13:08

Risultati definitivi: il centrodestra vince con il 48,03%. Il Centrosinistra si ferma al 31,28%, il M5s al 20,20%. La Lega è il primo partito col 27,53%. Il presidente: «È un risultato che va oltre le aspettative e che certifica l'inconcludenza e l'inconsistenza dei 5 Stelle»

È un distacco schiacciante quello che il centrodestra con Marco Marsilio ha conquistato sugli avversari alle regionali dell'Abruzzo. Scrutinate tutte le schede, il risultato portato a casa è «oltre le aspettative»: il 48,03%. «Daremo alla Regione il futuro che merita», afferma il neogovernatore. «Grazie Abruzzo, grazie Italia. ​Siamo più forti di attacchi, bugie e polemiche», è invece il commento di Salvini che gioisce per il fatto che la Lega sia il primo partito col 27,53%. ​Seguono il candidato del centrosinistra Giovanni Legnini con il 31,28% e la candidata del Movimento 5 stelle Sara Marcozzi che si è fermata al 20,20%. Affluenza in calo al 53,12%. «Sono orgoglioso di essere il primo presidente di Fratelli di Italia - ha detto Marco Marsilio nella sua prima conferenza stampa da governatore della Regione -. È un risultato che va oltre le aspettative e che certifica l'inconcludenza e l'inconsistenza dei 5 Stelle».

Il quadro è apparso chiaro sin dai primi instant poll. Poi le prime proiezioni non hanno fatto altro che dare conferme via via che arrivavano i dati reali delle schede di voto, finite di scrutinare in tarda mattinata. Secondo il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, il voto dell'Abruzzo ha confermato che «il centrodestra è la maggioranza naturale fra gli elettori». Un voto «importante per il futuro della politica italiana», ha detto.

Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev - L'abbraccio del vincitore con Giorgia Meloni e i commenti degli altri candidati

A festeggiare la vittoria di Marco Marsilio (Fdi, Lega, Forza Italia, Udc-Dc-Idea e Azione Politica), la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, arrivata in nottata a Pescara al comitato "Marsilio presidente". Tra loro due un lungo abbraccio e poi un brindisi con lo spumante. «Una giornata storica - ha detto Meloni - FdI riesce a esprimere il suo primo presidente di Regione».  Da parte di Marsilio, i ringraziamenti agli abruzzesi: «Ha vinto tutto il centrodestra», è il suo commento.

In casa centrosinistra, con Giovanni Legnini, c'è amarezza per il secondo posto ma si guarda al recupero della coalizione: «Siamo passanti dal 17 al 28% (al 31,28% ndr), il che indica una chiara crescita, ma anche il fatto che questa è la strada giusta e che bisogna insistere sapendo che in Abruzzo, come in Italia, ci aspetta un periodo all'opposizione», ha detto il presidente vicario Giovanni Lolli. «Abbiamo raddoppiato i consensi», gli ha fatto eco il sindaco di Francavilla al Mare (Chieti), Antonio Luciani.

Nessun commento dal comitato dei 5 Stelle. Il terzo posto sembra difficile da digerire per Sara Marcozzi e per il Movimento. Al comitato arrivano il sottosegretario ai Beni culturali, Gianluca Vacca e Primo di Nicola. I dati mostrano un crollo rispetto alle politiche del 4 marzo 2018.

«Con questa squadra daremo un futuro all'Abruzzo come meritano gli abruzzesi», ha affermato il neopresidente della Regione Marco Marsilio, sottolineando che la «priorità assoluta per la Regione è la ricostruzione» dopo i violenti terremoti nel centro Italia del 2016 e 2017. Poi, un gesto di riconoscenza per la sua famiglia: «Le mie donne, la mia forza. Senza mia moglie e mia figlia, nulla di tutto questo sarebbe mai potuto accadere - scrive Marsilio su Twitter - Grazie di cuore».

 

​Chi è Marco Marsilio

Marsilio è nato a Roma da genitori di Tocco da Casauria (Pescara) dove il padre, che lasciò l'Abruzzo in cerca di lavoro, è tornato a vivere da pensionato. 52 anni il prossimo 17 febbraio, laureato in Filosofia alla Sapienza, Marsilio è sposato e ha una figlia. Maturata una lunga esperienza amministrativa, nel 2008 viene eletto alla Camera dei Deputati dove lavora nell'ufficio di presidenza della Commissione Bilancio. In questa Legislatura è senatore di Fratelli d'Italia, componente della commissione Bilancio e della bicamerale sul Federalismo fiscale. 

A poco più di 20 anni, fonda e amministra una società cooperativa editoriale. È stato amministratore di una società di diritto algerino nell'ambito di un progetto per l'internazionalizzazione d'impresa. È professore a contratto di Estetica, Museologia e Marketing applicato ai Beni culturali all'università Link Campus. Da Senatore, si è messo a disposizione dei territori abruzzesi, collaborando con il sindaco dell' Aquila, Pierluigi Biondi, supportando la rinascita della città e partecipando assiduamente ai tavoli istituzionali, convocati per le varie emergenze. Ha dichiarato le dimissioni da senatore già in campagna elettorale. 

​Sullo stesso tema

Loading ...
Failed to load data.