PRIMO PIANO

Scritte razziste a Melegnano, Salvini: «Rispetto dolore madre, lei rispetti la richiesta di sicurezza»

Charlotte Matteini - 20/02/201920:22Aggiornato 21/02/2019 00:33

Il ministro dell'Interno respinge le accuse della mamma di Bakary: «La signora rispetti la richiesta di sicurezza e legalità che arriva dagli italiani, che io concretizzo come ministro. Bloccare gli scafisti e i loro complici, fermare l'immigrazione clandestina è semplicemente giustizia, non è razzismo»

A distanza di una settimana, una seconda scritta razzista è apparsa a Melegnano. «Ammazza al negar», con tanto di svastica rovesciata a mo' di firma. Nonostante solo sette giorni fa la prima scritta avesse sollevato l'indignazione non solo gli abitanti di Melegnano ma dell'intera Italia, il vandalo razzista - al momento ancora anonimo - ha agito ancora, incurante delle reazioni. Il bersaglio di questi messaggi è Bakary Dandio, un 21enne di origine senegalese, figlio adottivo di una coppia di genitori milanesi. 

La seconda scritta razzista è apparsa nello stesso punto della prima, nell'androne del palazzo dove Bakary abita con i suoi genitori. Al secondo episodio, la mamma del 21enne ha deciso di sfogarsi e ha accusato il ministro dell'Interno Matteo Salvini, considerato il mandante del clima di odio che sta man mano pervadendo l'Italia. 

«Quello che sta accadendo in tanti casi oggi in Italia è amplificato anche da politici come Salvini. Questo episodio è il primo del genere nella vita di mio figlio, ma forse perché clima di oggi non è il clima che si respirava tre anni fa. Il problema è che l’immigrazione non è un problema», ha dichiarato Angela Bedoni, la mamma di Bakary.

A stretto giro, il ministro dell'Interno ha replicato alla signora Bedoni, dichiarando: «Io rispetto il dolore di una mamma, abbraccio suo figlio condanno ogni forma di razzismo. E la signora rispetti la richiesta di sicurezza e legalità che arriva dagli italiani, che io concretizzo come ministro. Bloccare gli scafisti e i loro complici, fermare l'immigrazione clandestina, assumere poliziotti, installare telecamere ed espellere criminali è semplicemente giustizia, non è razzismo o tantomeno razzismo». 

Sullo stesso tema: 

Loading ...
Failed to load data.