PRIMO PIANO

«La donna o è fertile o è inutile»: polemica sulla frase dell'assessore di Castiglione delle Stiviere

Alessandro Parodi - 13/03/201906:10Aggiornato 13/03/2019 11:31

Manlio Paganella, assessore alla cultura del comune di Castiglione delle Stiviere (Mantova) ha usato queste parole per attaccare le donne del Pd che sedevano nel consiglio comunale. La frase è stata pronunciata la sera del 7 marzo, la vigilia della Festa della Donna

«Si nasce donne fertili o inutili». Manlio Paganella, assessore alla cultura del comune di Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova, ha pronunciato queste parole in consiglio comunale la sera prima dell'8 marzo, la festa della donna. Paganella è un insegnante: la frase era un attacco a due consigliere Pd che avevano abbandonato il consiglio in segno di protesta nei confronti dell'assessore che, lo scorso 26 gennaio, aveva partecipato alla presentazione del libro Compagno mitra.

Il libro, di Gianfranco Stella, ha come sottotitolo Saggio storico sulle atrocità partigiane. Paganella era stato accusato di sostenere teorie in qualche modo revisioniste. Nel consiglio comunale del 7 marzo, l'assessore con la volontà di difendersi da quell'accusa, aveva dichiarato: «Come diceva Manzoni, "Il coraggio uno non se lo può dare”. Si nasce uomini o si nasce eunuchi. Si nasce donne fertili o si nasce donne inutili». Proseguendo il suo intervento Paganella aveva parlato anche di «leoni di cartapesta, omuncoli e donnucole».

Le tre consigliere Pd avevano abbandonato la seduta, parlando di «vergogna, mistificazione e sessismo». Anche il sindaco leghista Enrico Volpi aveva preso le distanze dalle dichiarazioni, definendole «parole gravi». Ora Paganella si è difeso così: «Era una frase pronunciata nella dialettica del momento, dopo essere stato zitto per due mesi nonostante i duri attacchi che ho subito. Mi scuso se ho offeso qualcuno. Per me le donne sono importantissime e la prima donna che si ama, nella propria vita, è la propria madre. Senza la quale non ci sarebbe vita».

La polemica si è riaccesa giorni dopo, quando il video dell'intervento dell'assessore ha iniziato a circolare sui social network. Il sindaco Volpi ha tentato di smorzare le polemiche: «Non commento le esternazioni dell'assessore Paganella, sulle quali ho già espresso il mio giudizio negativo, ma voglio sottolineare che le stesse non sono un semplice fulmine a ciel sereno, ma giusto le ultime di una serie provenienti anche e soprattutto dalle opposizioni, che hanno creato un clima e un contesto a mio avviso errato e dannoso».

Leggi anche

Loading ...
Failed to load data.