PRIMO PIANO

Ultimo a Manuel Bortuzzo: «Mi hai insegnato come ci si comporta e quanta forza c'è in ognuno di noi»

Maria Pia Mazza - 17/03/201922:34Aggiornato 18/03/2019 09:21

«Sali sul palco così insegni a me e ai ragazzi che ci saranno nel pubblico come si affronta la vita, perché tu sei un esempio», ha continuato il cantautore romano, dopo aver invitato il nuotatore sul palco con lui

Manuel Bortuzzo, il nuotatore rimasto paralizzato agli arti inferiori dopo essere stato colpito da proiettile sparato da due ragazzi nel quartiere Axa a Roma, è stato ospite a Non è l’Arena di Massimo Giletti su La7. Il giovane, ha raccontato come si è trasformata la sua vita dopo l'aggressione, accettando quanto successo e senza mai abbattersi: «Ho guardato avanti e ho cercato tutte le cose più belle che potevano esserci e che mi aspettano e sono molto di più di quelle brutte che ho passato». 

«L'essere atleta mi ha aiutato a guardare avanti, a reagire così. Adesso combatto contro me stesso, contro il tempo, come ho fatto sempre in acqua», ha aggiunto il nuotatore 19enne. Ripercorrendo l'esperienza del ritorno in vasca, Manuel ha raccontato: «Mi sono seduto sul muretto ho messo le gambe in acqua e niente, non ho sentito niente. Una volta immerso pian piano tutto il corpo ho provato una sensazione bellissima a cui prima non davo peso. Dopo che ho iniziato a dare le prime bracciate mi sembrava che non fosse successo niente. Mi sembrava tutto normale». 

A sorpresa è poi arrivato un invito speciale da parte di Ultimo, il giovane cantautore di San Basilio. «Oltre ad augurarti di rimanere così come sei non posso fare nulla, perché mi hai insegnato come ci si comporta e quanta forza risiede dentro ognuno di noi, perché tante volte ce lo dimentichiamo. Tu hai questa responsabilità di far capire alla gente quanta forza c’è in noi e quanto non ce ne accorgiamo e non ce ne ricordiamo. Io provo solo stupore verso la tua persona, verso quello che hai fatto, verso quello che stai facendo e che farai. Ti auguro solo di continuare a fare ciò che stai facendo». 

«In realtà ti volevo invitare ai miei concerti: vieni quando vuoi. C’è la data a maggio, c’è la data all’Olimpico, vieni quando vuoi. Anzi sai che c’è? Fatti tutto il tour con me! Se famo tutto il tour insieme, così ci divertiamo e così sali sul palco e insegni a me e ai ragazzi che ci saranno come si affronta la vita, perché tu sei un esempio. Ma sono sicuro che tu sai come gestirla senza i miei consigli. A presto!» Manuel, sorpreso dal messaggio, ha risposto: «Magari non tutto il tour, ma una data magari la possiamo fare». Poi, visibilmente emozionato e incredulo dopo l'invito, ha aggiunto: «Non pensavo a tutto questo. Ha capito chi sono». 

Sullo stesso tema

Loading ...
Failed to load data.