PRIMO PIANO

Fabio, il bambino immunodepresso, è tornato a scuola

Open - 18/03/201913:28Aggiornato 18/03/2019 14:39

I compagni di classe e di scuola che non erano vaccinati si sono messi in regola. Dopo mesi di isolamento, Fabio può tornare a studiare e a giocare, come tutti i bambini della sua età

Per Fabio è il secondo-primo giorno di scuola. Ma per i genitori, stavolta, l'emozione è stata più grande. Fabio è tornato in classe - zainetto in spalla, grembiule blu scuro, mascherina sul viso e un «bentornato!» inciso su un palloncino - dopo un calvario durato mesi.

La sua storia l'abbiamo seguita e raccontata qui su Open, passo dopo passo. Dopo la leucemia, la chemio, la riabilitazione il cammino di Fabio verso la normalità si era interrotto perché molti suoi compagni di classe non erano vaccinati. E lui, immunodepresso, rischiava di contrarre infezioni che avrebbero potuto compromettere il suo già precario stato di salute.

La sua battaglia per il diritto alla salute è diventata tema di dibattito tra i novax, che hanno schedato e insultato i suoi genitori, accusandoli di essere attori e di essere stati pagati per difendere i vaccini. Dopo settimane di scontri, appelli ai media e alla politica, per i genitori è arrivato il momento di raccogliere i frutti della loro battaglia.

Fabio è tornato a scuola: tutti i compagni che non erano in regola con i vaccini ora lo sono. Un po' perché l'11 marzo è scaduto il termine per presentare il certificato vaccinale. Un po' perché è difficile non essere solidali con un bambino di 7 anni e mezzo e con due genitori che hanno già attraversato l'inferno. La solidarietà in questo caso c'è stata e bisogna esserne felici: non è affatto scontata, di questi tempi.

Loading ...
Failed to load data.