PRIMO PIANO

Zaia al Congresso delle famiglie: «Chi è contro gli omosessuali è fuori dalla realtà»

Francesca Martelli - 29/03/201911:27Aggiornato 29/03/2019 17:30

Mentre la kermesse di Verona agita il governo, il presidente del Veneto (che è tra i relatori) ribadisce la sua difesa per la legge 194 e le unioni civili

Ha concesso il patrocino al Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona il governatore del Veneto Luca Zaia, che definisce le polemiche su questo «una baggianata per cui è stato molto attaccato».

Una scelta opposta a quella del presidente del Consiglio Conte e degli esponenti 5 Stelle che hanno scelto di disertare l'evento. Ma ritiene che i relatori del WCF (World Congress of Family) non abbiano creato un evento che ricorda i tempi del Medioevo.

«Per me la legge 194 non si tocca. E non mi risulta che il mio partito stia lavorando a questo» spiega Zaia. Ben diversa la posizione del collega della Lega e ministro della Famiglia Luciano Fontana, che interverrà al Congresso il 30 marzo, e che vorrebbe abolirla. «L'omofobia per me è una malattia. Io non sono qui per parlare male delle coppie omosessuali. Chi è contro l'omosessualità e le unioni civili è fuori dalla realtà».

Ma le tematiche trattate a Verona scuotono il governo, con i 5 Stelle che continuano a criticare l'evento. Zaia riprende poi un altro dei temi che dividono Lega e M5S: l'autonomia regionale (di Veneto, Lombardia, Emilia Romagna) ancora non realizzata. L'esponente leghista non vuole nemmeno immaginare che non si arrivi all'autonomia, altrimenti «cade il governo».

Sullo stesso tema

Loading ...
Failed to load data.