PRIMO PIANO

Rissa tra migranti a Ferrara, Salvini: «Sindaci distratti, in arrivo una direttiva anti-balordi»

Redazione  - 17/04/201917:39Aggiornato 17/04/2019 17:41

Il titolare del Viminale: «Il 3 maggio sarò in città e nelle prossime ore invierò a tutti i prefetti una direttiva per cacciare i balordi». E ancora: «Se i sindaci non contrastano adeguatamente illegalità e degrado nelle proprie città, i prefetti sono pronti a intervenire per supplire le loro carenze»

«Dove non arrivano i sindaci, arriveremo noi». Con queste parole, che suonano come un proclama, il ministro dell'Interno Matteo Salvini annuncia una nuova direttiva contro coloro che identifica come «balordi». Lo spunto per il provvedimento arriva da un fatto di cronaca: la «ennesima rissa tra immigrati nel quartiere Gad di Ferrara, con coltellate tra un albanese e due nigeriani».

Un episodio che il vicepremier leghista non lascia cadere nel dimenticatoio. Fissata dunque una visita a Ferrara, Salvini ha già messo in guardia i sindaci e avvertito i prefetti sull'arrivo della nuova misura: «Il 3 maggio sarò in città e nelle prossime ore invierò a tutti i prefetti una direttiva per cacciare i balordi dalle città».

«Sindaci distratti»

Nell'annunciare la nuova direttiva a cui sta lavorando il Viminale, Matteo Salvini ha chiamato in causa la distrazione degli amministratori locali: «Se i sindaci non contrastano adeguatamente illegalità e degrado nelle proprie città, i prefetti sono pronti a intervenire per supplire le carenze dei primi cittadini». Prefetti che sono alle dirette dipendenze del ministero dell'Interno.

«Il Viminale con il decreto sicurezza - ha affermato Salvini - offre armi in più per combattere occupazioni, degrado, abusivismo e illegalità». «In caso di sindaci distratti - ha tuonato, infine - c'è sempre il supporto dei prefetti». Sembra che a fare scuola sia stato il caso del prefetto di Firenze Laura Lega che si è servita di una direttiva simile per fronteggiare situazioni di disordine in città. Ora Salvini intende applicare un provvedimento simile in tutta Italia.

La cronaca dei fatti di Ferrara

La rissa tra migranti è avvenuta in piazza della Castellina, nei pressi della stazione ferroviaria, nella zona ribattezzata Gad. Tre le persone coinvolte: due cittadini di origine nigeriana e un altro di origine albanese. Durante lo scontro, ad avere la peggio è stato il cittadino albanese.

L'uomo è stato portato al pronto soccorso in codice due, per un trauma cranico di media gravità, causato da una botta del capo contro un'auto durante una caduta a terra. Uno dei due cittadini nigeriani, invece, è stato portato in ospedale in codice uno, ossia di bassa gravità.

La reazione dell'associazione Nigeriani di Ferrara

Sull'episodio di violenza cittadina si è espresso l'ex presidente dell'associazione nigeriani di Ferrara, Kevin Jacob: «Non ne possiamo più di commentare queste cose - ha spiegato spazientito -, le autorità intervengano su questi fatti a cui noi diciamo basta».

Leggi anche

Loading ...
Failed to load data.