LO SPORT

Lazio-Novara, cori anti-semiti e razzisti dalla curva biancoceleste

Redazione - 12/01/201918:24Aggiornato 18/01/2019 12:55

Allo stadio Olimpico, durante la partita di Coppa Italia, un piccolo gruppo di tifosi laziali ha lanciato frasi come «Giallorosso ebreo». La Digos ha aperto un'indagine per trovare i responsabili

Durante gli ottavi di finale di Coppa Italia tra Lazio e Novara allo stadio Olimpico sono partiti cori antisemiti e a sfondo razzista dalla curva nord biancoceleste. Alla mezz'ora di gioco dal settore più caldo della tifoseria laziale si sono levati cori «giallorosso ebreo» e «questa Roma qua sembra l'Africa».

Allo stadio erano presenti 13 mila persone, ma i cori sembrano essere arrivati da un ristretto gruppo della curva e nel "semideserto" degli spalti l'eco era chiaramente percepibile. Intanto la Digos di Roma ha aperto un'indagine per risalire ai responsabili dei cori, attraverso un controllo delle registrazioni delle telecamere.

Sui social, accanto alle frasi polemiche che accusano i tifosi laziali, c'è anche chi si chiede se sia vero. Tante le critiche da parte dei tifosi della Lazio al giornalista sportivo Enrico Varriale, che su Twitter ha commentato l'accaduto.

Secondo Giuseppe Cangemi, il vicepresidente del Consiglio regionale della Regione Lazio, non ci sarebbero stati: «Gli unici cori offensivi che si sino levati oggi all'Olimpico sono stati quelli dei tifosi del Novara contro la Lazio e il presidente Lotito. Ero allo stadio, abbiamo assistito alla partita in assoluta tranquillità e non abbiamo sentito cori razzisti. Ormai siamo a un vero e proprio accanimento contro la società biancoceleste e i suoi tifosi».

Il nuovo episodio all'Olimpico arriva al culmine di una settimana calda sul fronte tifoserie e dopo il caso Koulibaly. Martedì  8 gennaio altri scontri tra gli ultras della Lazio e le forze dell'ordine si erano verificati a Piazza della Libertà, in occasione della festa per il compleanno del club. Nelle stesse ore erano anche stati diffusi volantini antisemiti che prendevano di mira Lazio e Napoli, firmati da un gruppo di romanisti. 

Loading ...
Failed to load data.