Revocata la scorta al giornalista anti-mafia Sandro Ruotolo

Con un tweet, l’ex guardasigilli ha protestato contro la revoca della scorta al giornalista d’inchiesta: «Hanno tolto la scorta a Sandro Ruotolo, giornalista da sempre impegnato in inchieste sulle mafie». Il reporter non commenta

Revocata la scorta al giornalista anti-mafia Sandro Ruotolo. Ad annunciarlo è stato l'ex ministro della Giustizia Andrea Orlando con un post pubblicato su Twitter. «Hanno tolto la scorta a Sandro Ruotolo, giornalista da sempre impegnato in inchieste sulle mafie. E anche il giornalista che si è occupato della “Bestia”, il dispositivo propagandistico del ministro dell’interno. Casualità? Lo chiederò in parlamento», ha annunciato l'onorevole dem sui social network. 

https://twitter.com/statuses/1091678964538638337?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1091678964538638337&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.fanpage.it%2Ftolta-la-scorta-al-giornalista-sandro-ruotolo-impegnato-nelle-inchieste-sulle-mafie%2F

Ruotolo è sotto scorta dal maggio del 2015, quando, in seguito a un'inchiesta sul traffico di rifiuti tossici in Campania, ricevette minacce di morte dal boss dei Casalesi Michele Zagaria. Al momento non si hanno notizie più circostanziate rispetto alle motivazioni che avrebbero portato alla revoca della scorta al giornalista anti-mafia, attualmente collaboratore del quotidiano online Fanpage.it e autore di numerose inchieste sulla Terra dei Fuochi, sui rapporti tra Stato e Mafia e sul clan dei Casalesi.