La verità sull’aggressione del 15enne a Lucca: i colpevoli non erano nordafricani

di David Puente
La verità sull'aggressione del 15enne a Lucca: i colpevoli non erano nordafricani

Un «brutale pestaggio», riportavano i media, da parte di un gruppo di nordafricani ai danni di un 15enne di Lucca. Abbiamo verificato e la notizia è «destituita di fondamento e di attualità»

Il 21 febbraio 2019 alcuni siti e testate giornalistiche, come La Nazione di Lucca, avevano diffuso la notizia di un «brutale pestaggio» avvenuto in Piazza Napoleone a Lucca dove «qualche giorno fa» un giovane 15enne di Fermi sarebbe stato picchiato violentemente da giovani di origine nordafricana. Sentito al telefono il comandante del comando provinciale dei Carabinieri di Lucca, colonnello Giuseppe Arcidiacono, è lui a dichiararci che la notizia è «destituita di fondamento e di attualità».

La verità sull'aggressione del 15enne a Lucca: i colpevoli non erano nordafricani foto 1

La notizia è destituita di attualità perché il fatto era avvenuto il 19 gennaio 2019, un mese prima della diffusione sui media. Risulta destituita di concretezza negli elementi informativi perché non si era trattata di un'aggressione da parte di giovani nordafricani, ma di una «scaramuccia tra studenti» tutti italiani e della zona. Il colonnello Giuseppe Arcidiacono spiega a Open che a seguito dello scontro il ragazzo era stato soccorso dal genitore e solo a distanza di qualche giorno era andato in ospedale, mentre gli autori dell'aggressione sono stati identificati.

Foto articolo di repertorio.