Aeroporti, dal riconoscimento facciale alla Tac al bagaglio (che potrà contenere liquidi): tutte le novità ai controlli di sicurezza

Era dagli attentati dell’11 settembre che le politiche aeroportuali non subivano modifiche. In valigia anche liquidi e dispositivi elettronici

Negli aeroporti sono in arrivo alcune novità che riguarderanno i controlli prima di imbarcarsi per un volo e la sicurezza in generale. Le misure previste daranno una svolta alla politica serratissima di questi anni, stabilita dopo gli attentati alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001.

Quello che però sulla carta sembra puntare al progresso, altro non è che un ritorno al passato, a quando le procedure per passare i controlli e imbarcarsi erano più agili – eccezion fatta per la tecnologia che stavolta avrà un ruolo fondamentale.

Verifica del bagaglio automatizzata

Agli aeroporti di Malpensa e Linate niente più uomini in divisa al controllo bagagli a mano. Entrerà in azione infatti la smart security, un processo automatizzato – con un investimento da 17 milioni di euro – che permetterà di passare al setaccio circa 250 passeggeri, e relativo baglio, all’ora.

Addio raggi X, ora c’è la Tac

Si chiama Eds-Cb (explosives detection systems for cabin baggage), ed entrerà in funzione per la fine della prossima estate all’aeroporto di Linate, mentre Malpensa dovrà attendere la fine del 2020.

Si tratta di un dispositivo elettronico che esaminando il bagaglio a mano – il principio è grosso modo quello di una Tac fatta su un corpo umano – sarà in grado di riconoscere anche la minima percentuale di esplosivo contenuta all’interno.

Questo ridurrà le code, facilitando il lavoro agli operatori, e produrrà maggiore efficienza: i passeggeri infatti non avranno più l’obbligo di disfarsi di flaconi di creme o di liquidi e non sarà più necessario per loro tirare fuori dal bagaglio i dispositivi elettronici.

Il riconoscimento facciale sostituirà i documenti

E se ora ai controlli di sicurezza è necessario tirare fuori il documento d’identità, tra poco non ce ne sarà più bisogno: sarà infatti presto attivo il frictionless journey, il sistema biometrico che consentirà di fare uno screening del proprio volto – anche da casa – e questo verrà associato – mediante altra tecnologia – alla nostra identità, quindi ai documenti di imbarco.

In questo modo si passerà dal primo varco all’imbarco senza mai estrarre i documenti. Carta d’imbarco e documento associato al volto del passeggero saranno abbinati. L’investimento vale 21 milioni di euro.

Self bag drop, ovvero: auto etichettatura

Tra le novità anche il self bag drop che dal 2020 approderà al Terminal 2 di Malpensa. Si tratta di uno degli espedienti per l’azzeramento delle file perché dopo aver fatto il check in online, il passeggero, arrivato al terminal, potrà imbarcare da solo il bagaglio, etichettandolo.

Verserà poi la differenza – in caso di eccedenza del peso consentito della valigia – in apposite macchinette o mediante pagamento elettronico. Il tutto in autonomia.

Passeggeri dritti all’imbarco con la mappa virtuale

Arrivare al gate di imbarco senza perdersi dentro l’aeroporto e senza fare code inutili. Pare la soluzione esista e sarà presto disponibile all’aeroporto di Malpensa.

Si chiama Sea Milan Airports e si tratta di un’app nata per guidare il passeggero che, non appena varcata la soglia di ingresso dell’aeroporto, ed essersi collegato, gli farà strada fino all’imbarco, fornendogli informazioni su servizi extra e sul percorso migliore da fare per evitare intoppi.

Un sistema di questo tipo chiama in campo un problema, quello legato alla cybersecurity. Gli aeroporti sono obiettivi sensibili, presi di mira – più di altri luoghi – dagli attacchi degli hacker relativi all’accesso ai dati personali.

Ed è per questo motivo che ci saranno grossi investimenti per arginare il più possibile rischi di questo genere, specie quando si utilizzano big data e sistemi di analytics per offrire servizi ai viaggiatori.

Leggi anche: