Veneto, fondi per i disabili usati per una birreria, a processo l’ex assessore regionale

Remo Sernagiotto è accusato di truffa e corruzione

L’ex assessore dei servizi sociali della Regione Veneto, l’esponente di Fratelli d’Italia ed ex eurodeputato Remo Sernagiotto, è stato rinviato a giudizio per l’accusa di truffa e corruzione.

Il processo, che inizierà il 14 gennaio, riguarda il presunto utilizzo dei fondi sociali riservati a soggetti disabili della cooperativa Ca’ della Robinia di Nervese della Battaglia, con lo scopo di costruire una birreria. A deciderlo è stato il giudice per le indagini preliminari di Treviso, che ha accolto le richieste del pm.

Con lui, imputate anche altre tre persone: Mario Modolo, ex dirigente dei Servizi sociali della Regione Veneto, il proprietario della discoteca (centrale nella truffa) Giancarlo Baldissin e il consulente finanziario Egidio Costa.

I quattro imputati avrebbero collaborato per far ottenere un finanziamento alla cooperativa di 3,4 milioni di euro, destinati in teoria a riadibire la discoteca a centro disabili. I fondi sarebbero stati invece destinati per costruire la birreria.

Sernagiotto si è difeso dicendo che «se l’aspettava» ma di non «aver fatto niente». Altre 4 persone, accusate di reati minori, hanno patteggiato pene comprese tra 1 anno e 6 mesi e 2 anni e 4 mesi.

Leggi anche

Foto copertina: Screen da Rai News