Mattia Santori: «Confermo l’incontro nazionale, ma non sarà un congresso». E sul futuro delle sardine: «Non diventeremo un partito»

Il volto delle sardine chiarisce a Open cosa prevederà la fase 3: «Sarà il ritorno a una dimensione nazionale. Significa semplicemente darsi una struttura e uno stile uniforme ed efficace»

L’annuncio in tv di Francesca Valentina Penotti, portavoce delle sardine torinesi, ha agitato i media: le sardine si stanno preparando a una due giorni di riunioni con tutti i referenti locali per discutere del futuro del movimento.

«Posso dirvi che entro il 26 gennaio uscirà una data e ci incontreremo dopo le elezioni regionali», ha dichiarato Penotti la mattina del 7 gennaio. E subito si è parlato di congresso e dell’eventuale nascita di un partito.

Contattata da Open, Penotti precisa: «Più che congresso, è giusto definirla “riunione”. Ho usato il termine “congresso”, ma mi rendo conto che può essere una parola fuorviante: sono stata tradita dall’emozione».

Mattia Santori: «Chiamiamola riunione»

«Confermo l’incontro nazionale, ma non sarà un congresso come lo si intende generalmente». Mattia Santori chiarisce a Open qual è il senso della dichiarazione fatta da Penotti la mattina del 7 gennaio. «È più giusto parlare di un weekend insieme con tutti i referenti delle sardine, per continuare quel dialogo iniziato a Roma».

«La fase 3 non prevede la nascita di un partito»

Una riunione dunque, a scanso di equivoci. «E per rimuovere dal campo qualsiasi dubbio, ribadisco che le sardine non diventeranno un partito», afferma Santori. Dunque cosa succederà alle sardine dopo le elezioni in Emilia-Romagna e Calabria?

«Come sempre detto si passa alla fase 3, che vuol dire tornare ad una dimensione nazionale. Non significa costituire un partito, ma semplicemente darsi una struttura e uno stile uniforme ed efficace», conclude Santori.

Sullo stesso tema: