Doppietta Cr7: la Juve batte di misura il Parma (2-1) e allunga in vetta

La squadra di Sarri guadagna due punti sull’Inter: il portoghese spacca una partita non facile

Senza brillare, ma con i soliti gioielli di Ronaldo in evidenza. La Juve batte un buon Parma allo Stadium e cerca di dare il primo strattone alla corsa scudetto, volando a +4 sull’Inter fermata sul pari oggi a Lecce.

Decisiva la doppietta di Cr7, intervallata dal momentaneo pareggio di Cornelius. Sarri si tiene stretti i tre punti, ma deve sudare più del previsto perché l’organizzazione del Parma crea più di un problema. Ritmi bassi, pochi strappi nel primo tempo: serve una giocata personale di Ronaldo (che gioca con Dybala, Ramsey alle spalle) per sbloccare la gara al 43′. Il portoghese attacca da sinistra, rientra, calcia e trova la deviazione decisiva di Darmian.

La Juve apre il rubinetto, ma Ramsey si beve il raddoppio sparando sul palo il possibile 2-0. Appare il preludio a una discesa libera bianconera, e il pensiero si consolida a inizio ripresa quando Danilo, modello Theo Hernandez, arriva a ridosso dell’area e cerca l’angolino: Sepe smanaccia sul palo. Sono i famosi quasi gol che fanno la differenza: la Juve se ne accorge al 55′ quando su angolo Cornelius decolla su Ronaldo e infila Szczsesny sull’angolo lontano.

Visualizza questo post su Instagram

👆👆 #JuveParma #FinoAllaFine #ForzaJuve

Un post condiviso da Juventus Football Club (@juventus) in data:

La Juventus incassa, ma si affida a un Ronaldo spaziale per rimettere subito a posto le distanze. Passano 3 minuti e il numero 7 della Juve avvia e chiude una azione con Dybala: palla nell’angolo, 2-1. Per Cr7 11 gol nelle ultime 7 gare. Tutti, o quasi, decisivi.

Sarri prova a chiuderla inserendo Higuain al posto di Ramsey, ma non è ancora il momento di azzardare il tridente con Cr7 e Dybala. Almeno contro il Parma che, infatti, si alza pericolosamente negli ultimi 10 minuti (Szczesny dice no a Kurtic). Nonostante l’alimentarsi di nuovi dubbi sulla tenuta di centrocampo e difesa bianconera in fase di non possesso, Il risultato non cambierà più.

Si chiude, dunque, una giornata in cui hanno vinto tre delle prime quattro in classifica. Domani sera l’Atalanta, che ospiterà la Spal, proverà a riprendere al quarto posto la Roma, che in serata è andata a vincere in sicurezza 3-1 sul campo del Genoa.

Foto di copertina Ansa