Migranti in fuga dalla Libia, 40 persone in pericolo al largo di Malta. Alarm Phone: «Non ritardate i soccorsi»

Alarm Phone ha chiesto alle autorità maltesi un intervento immediato: «SOS nella zona Sar di Malta. A bordo 40 persone in fuga dalla guerra in Libia. Intervenite subito»

Ancora un’emergenza nella zona Sar maltese. Alarm Phone, l’organizzazione indipendente che monitora le acque del Mediterraneo, ha comunicato di essere stata contattata da una barca in pericolo «con a bordo circa 40 persone in fuga dalla guerra in Libia». «Le autorità sono state informate», scrivono dall’organizzazione, chiedendo alla guardia costiera maltese un intervento immediato: «Intervenite subito e non ritardate i soccorsi!».

Nei giorni scorsi, altre barche in pericolo in zona Sar maltese avevano cercato di mettersi in contatto con Alarm Phone. Le due imbarcazioni trasportavano rispettivamente 34 e 70 persone. Nel pomeriggio del 13 febbraio, un’altra barca con oltre 40 migranti era stata avvistata da Moonbird, l’aereo umanitario di Sea Watch.

In quei casi, i soccorsi italiani e maltesi erano intervenuti in ritardo, e a denunciare la noncuranza era stata anche Mediterranea Saving Humans, l’Ong italiana. «I casi degli ultimi giorni – scrivono su Twitter – in cui varie imbarcazioni sono state lasciate alla deriva per moltissime ore, nonostante la comunicazione della loro difficoltà fosse stata diramata da Alarm Phone in maniera repentina, devono fare riflette».

Leggi anche:

Foto copertina: Ansa, foto di repertorio