Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Maradona, all’asta il pallone della “mano de Dios” e del gol del secolo: «È il momento di condividerlo con il mondo»

A metterlo in vendita è Ali Bin Nasser, l’arbitro di quel Argentina-Inghilterra di Messico ’86

Il pallone con il marchio Azteca stampato sopra fu il primo sintetico della storia dei campionati Mondiali di calcio. Tuttavia, quello che andrà all’asta il prossimo 16 novembre, durante un evento della nuova Coppa del Mondo in Qatar, è famoso per tutt’altro motivo. Da quel 22 giugno del 1986, quel pallone è diventato quasi un amico di famiglia per gli appassionati di calcio di tutto il mondo che stavano seguendo in diretta i quarti di finale tra Argentina e Inghilterra. È stato visto un numero così alto di volte nei replay che si sono susseguiti negli anni, che ormai si conosce ogni cucitura imprecisa che lo caratterizza. Quella sfera Azteca venne usata per tutti i 90 minuti giocati all’omonimo Stadio di Città del Messico e fu protagonista indiscussa sia del gol più controverso della storia, sia del “gol del secolo”. L’altro protagonista fu un certo Diego Armando Maradona. «È il momento giusto di condividerlo con il mondo», ha dichiarato Ali Bin Nasser, che quella partita la arbitrò. Nasser non si accorse che Maradona, El pibe de oro, riuscì a battere il portiere inglese Peter Shilton con un tocco di mano. Un gesto che poi lo stesso fuoriclasse argentino aveva descritto come un gol fatto «un po’ con la testa di Maradona ed un altro po’ con la mano de Dios». Le proteste che scatenò quel pallonetto così insolito riuscirono quasi a oscurare il gol che portò l’Argentina sul 2-0 (il risultato finale fu 2-1), con la stella del Napoli che corse 60 metri in 10 secondi scartando 5 inglesi e anche il portiere. Un’azione che la Fifa nel 2022 coronò con il premio “Più grande gol nella storia della Coppa del Mondo”. Per chiunque fosse intenzionato ad accaparrarsi un cimelio che ha cambiato per sempre la storia del calcio, e non solo – visti i rapporti tesi tra Argentina e Inghilterra in seguito alla vicenda delle isole Falkland – deve sapere che quel pallone Azteca ha un valore stimato che si aggira tra i 2,5 e 3 milioni di sterline. Le offerte saranno accettate a partire dal 28 ottobre.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: