Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Mondiali analcolici: il Qatar vieta la birra negli stadi. L’ira di Budweiser sponsor FIFA

La decisione a due giorni dall’inizio del torneo: consumo consentito solo in aree circoscritte

Le uniche bevande vendute ai tifosi negli stadi dei Mondiali in Qatar saranno analcoliche. La decisione, arrivata a due giorni dal fischio d’inizio della Coppa del mondo, è stata confermata dalla Fifa. «In seguito alle discussioni tra le autorità del Paese ospitante e la Fifa, è stato deciso di concentrare la vendita di bevande alcoliche in luoghi autorizzati, eliminando i punti vendita di birra dal perimetro degli stadi», si legge nel comunicato, diffuso anche via Twitter. Il tema della vendita di alcolici negli stadi è stato affrontato dal Qatar fin da quando la nazione del Golfo era riuscita ad ottenere i diritti per ospitare la Coppa del Mondo nel 2010. L’alcol, infatti, non è vietato nel Paese ma le vendite all’interno della nazione musulmana sono strettamente controllate: alla maggior parte dei visitatori anche prima dell’inizio dei Mondiali era permesso acquistare birra e altre bevande alcoliche solo nei bar degli hotel di lusso e a prezzi molto alti, stabiliti per disincentivarne il consumo.


Questo cambio di programma ha provocato reazioni istantanee da parte del maggior sponsor di Qatar 2022, ovvero l’azienda produttrice di birre Budweiser che paga alla Fifa – come riporta il New York Times – circa 75 milioni di dollari per ogni ciclo quadriennale di Coppa del Mondo. Con un tweet, poi cancellato, l’azienda aveva infatti bollato la decisione del Qatar come «imbarazzante». Ma non solo. Come riporta il quotidiano statunitense, sabato scorso era già stato comunicato all’azienda di trasferire le proprie bancarelle fuori dagli stadi, in luoghi meno trafficati. L’unico posto in cui i tifosi potranno bere alcolici sarà infatti un fan park e Budweiser ha già fatto sapere che mezzo litro costerà circa 13 euro, a fronte dei 15-18 cui viene venduto negli hotel. La Fifa ha precisato, sperando nella “comprensione” dell’azienda, che dentro gi stadi sarà comunque possibile distribuire le birre Bud Zero prive di alcool.


Twitter Budweiser | Il tweet pubblicato e poi cancellato dell’azienda produttrice di birra

Continua a leggere su Open

Leggi anche: