L’aggressione al giornalista Alberto Dandolo: «Devi smetterla di rompere i c…»

Al momento non ha ancora presentato denuncia

Alberto Dandolo, giornalista di Dagospia e Oggi, è stato aggredito in casa sua a Milano. Sabato mattina due sconosciuti sono entrati nella sua abitazione nella periferia nord del capoluogo lombardo armati di coltello. Lo hanno colpito con calci e pugni. «Ti devi fare i cazzi tuoi, devi smetterla di rompere i coglioni», gli hanno detto mentre lo picchiavano. Poi lo hanno ferito alla mano con un coltello. Poi sono fuggiti insieme a una terza persona che faceva da palo. Dandolo, scrive oggi il Corriere della Sera, al momento non ha ancora presentato denuncia. Chi lo ha sentito dice che è ancora sotto choc. E avrebbe fornito ricostruzioni confuse dell’episodio. Ma nella zona ci sono molte telecamere che potrebbero aver immortalato i responsabili del blitz. Ieri il presidente della Federazione Nazionale della Stampa Vittorio Di Trapani ha espresso vicinanza a Oggi, Dagospia e a Dandolo: «L’aggressione subita da Alberto Dandolo è gravissima: un salto di qualità nel clima d’odio. Mi auguro che vengano individuati presto gli aggressori e i mandanti. A chi “non deve rompere i coglioni”?». Anche il sottosegretario all’editoria Alessandro Morelli ha espresso una «condanna ferma» per l’episodio. Dandolo, su Instagram, ha ringraziato Serena Bortone e Carlo Verdelli.


Leggi anche: