Stato dell’Unione, le donne tutte vestite di bianco: ecco perché

di Redazione

Le democratiche presenti al discorso a Capitol Hill si sono presentati in abiti bianchi. Una decisione in memoria del movimento delle suffragette

Durante il discorso sullo Stato dell'Unione ad attirare l'attenzione non sono state solo le parole di compromesso e di apertura pronunciate dal Presidente americano, ma anche l'abbigliamento delle deputate democratiche. Le donne presenti a Capitol Hill si sono presentate tutte vestite di bianco, facendo sorgere domande sulle origini della decisione. Ispirandosi al colore usato dalle suffragette, che all'inizio del ventesimo secolo crearono un movimento per il riconoscimento del diritto di voto alle donne, le rappresentanti della Casa dei Democratici hanno invitato i legislatori a fare altrettanto come segno di solidarietà.

Stato dell'Unione, le donne tutte vestite di bianco: ecco perché foto 1

ANSA |

Ma non è la prima volta che negli ultimi anni politiche americane hanno indossato un bianco simbolico. Anche Hillary Clinton, durante la convention democratica del 2016, si era presentata con un completo bianco quando divenne la prima donna ad essere ufficialmente candidata alla corsa presidenziale. Più di recente, Alexandria Ocasio Cortez  aveva scelto il bianco per il suo giuramento d'insediamento al Congresso: «Mi sono vestita tutta di bianco oggi in onore di quelle donne che avevano aperto la strada prima di me…. Dalle suffragette a Shirley Chislom, non sarei quì se non fosse stato per le madri del movimento».

https://twitter.com/statuses/1081032307262345216

Non è sfuggito ai più come anche la figlia di Trump, Tiffany Trump, si sia presentata con un abito bianco, come Melania aveva fatto prima di lei. Difficile dire, secondo alcuni, quali siano state le sue motivazioni, ma la coincidenza non è certo passata inosservata su Internet.

https://twitter.com/statuses/1092973277956505600

 

Stato dell'Unione, le donne tutte vestite di bianco: ecco perché foto 2

Inez Milholland Boissevanin

In particolare, la decisione di vestirsi di bianco rimanda a un episodio fondamentale del movimento delle suffragette, quando durante uno sciopero nel 1913 l'avvocato Inez Milholland Boissevanin i​​​ndossò un cappello e un mantello bianco in sella a un cavallo, anch'esso bianco, per guidare la parata delle suffragette lungo la Pennsylvania Avenue a Washington. Quella marcia vide più di 5000 manifestanti avanzare nelle strade della capitale americano fino a che una folla inferocita non le bloccò.