Dalla flat tax rimandata ai 23 miliardi per evitare l’aumento dell’Iva, tutti i nodi del Documento di economia e finanza

di OPEN

Vince la linea dura di Tria. Il Pil programmatico per il 2019 è fissato allo 0,2%. La flat tax non entra nelle tabelle del Def. «Si farà», ha assicurato Salvini. Ma, per ora, nel documento è solo citata «in due passaggi». Spariscono le ipotesi dei due scaglioni di aliquote al 15 e al 20% per le famiglie, contenute invece nella prima bozza

È un documento che tiene conto del debito in salita e della crescita vicina allo zero quello di economia e finanza varato dal governo, dopo un serrato braccio di ferro a un tavolo sul quale oggetto del contendere sono state le stime di crescita, la <flat tax e lo stop all’aumento dell’Iva.

Al termine di una giornata in cui anche il Fondo monetario internazionale ha tagliato le stime di crescita per l’Italia (0,1% nel 2019), ha vinto la linea dura del ministro dell’Economia Giovanni Tria che, col suo discusso approccio realistico e prudente, si è imposto sulla flat tax promossa dalla Lega e sulla compatibilità con il blocco delle clausole di salvaguardia dell’Iva tenendo conto del quadro ricco di incognite: «Senza risorse, aumenterà l’imposta sui consumi», ha avvertito. Posizione che si è tirata addosso le tensioni dei due vicempremier.

La crescita

Alla fine della serata, il governo redige una nota in cui assicura: «Non ci sarà nessuna nuova tassa e nessuna manovra correttiva». Intanto però, nonostante M5s e Lega abbiano spinto fino all’ultimo per alzare l’asticella fino ad almeno lo 0,3-0,4%, il Pil programmatico per il 2019 è fissato allo 0,2%. La crescita dovrebbe attestarsi allo 0,7% nel triennio 2020-2022.

Debito al 132%

Il deficit sale al 2,4% del Pil nel 2019 per poi cominciare un percorso di riduzione graduale che dovrebbe portarlo all’1,5% nel 2022. Il deficit strutturale dovrebbe scendere dall’1,6% del Pil di quest’anno allo 0,8% nel 2022, convergendo verso il pareggio strutturale. In salita il debito che si attesterà al 132,6% nel 2019, al 131,3% nel 2020 e 130,2% nel 2021. «Numeri che – ha sottolineato la Lega – non sono in linea con quanto auspicato dai due partiti di maggioranza ma che prendono atto della reale situazione del Paese».

Dalla flat tax rimandata ai 23 miliardi per evitare l'aumento dell'Iva, tutti i nodi del Documento di economia e finanza foto 1

Flat tax fuori dal Def e marcia indietro sulle due aliquote

Tanto cara a Salvini, la flat tax non entra nelle tabelle del Def. «Si farà», ha assicurato il vicepremier leghista. Ma, per ora, nel documento è solo citata «in due passaggi» e il riferimento è piuttosto generico. Spariscono le ipotesi dei due scaglioni di aliquote al 15 e al 20% per le famiglie, contenute invece nella prima bozza del Def.

Il ministero dell’Economia dice la sua in una nota: «Il governo intende continuare il processo di riforma delle imposte sui redditi in chiave flat tax andando a incidere in particolare sull’imposizione a carico dei ceti medi». E per Luigi Di Maio questo è segno che «ha vinto il buon senso».

Il nodo dei 23 miliardi di clausole di salvaguardia

Oggetto di un acceso dibattito tra i ministri del M5s e il ministro Tria sono stati gli oltre 23 miliardi di clausole di salvaguardia da disinnescare. I 5 Stelle avrebbero chiesto garanzie sullo stop all’aumento dell’Iva nel 2020 e 2021. E su questo anche Salvini fa eco a Di Maio: «Non ci sarà alcun aumento dell’Iva».