Sospeso dopo 4 ore il CDM, tutto rinviato. Resta forte tensione

di OPEN

Il Consiglio dei Ministri è stato rimandato a causa di una serie di schermaglie in particolare sul decreto di sicurezza bis voluto da Salvini

Sospeso a mezzanotte e mezzo il Consiglio dei ministri, dopo una serie di schermaglie che hanno attraversato tutte le 4 ore della riunione serale. L’esame del decreto sicurezza bis, presentato da Salvini, è stato rinviato in attesa di chiarire con il Quirinale le criticità del provvedimento. Era stato il premier Conte a annunciare in consiglio i rilievi della presidenza della Repubblica su alcuni articoli, provocando la reazione indispettita del ministro dell’Interno.

Anche l’esame del decreto Famiglia, presentato da Di Maio è stato rinviato per «simmetria»: in questo clima dichiaratamente pre-elettorale, a pochi giorni dal voto, non passa un decreto se non viene approvato anche l’altro. Nell’immediato dopo-Cdm si è detto che la nuova riunione avverrà in settimana (tra domani e giovedì).

«Siamo certi che ci sarà l’approvazione del dl Sicurezza», affermano fonti della Lega. «Prendiamo atto delle criticità sollevate sul decreto e siamo pronti a risolverle al più presto, lavorando serenamente con la Lega. Questo fa un governo responsabile» : è la posizione di M5s.

Resta ora da capire quali siano stati i rilievi di Mattarella, probabilmente sul versante dei diritti, come da molte voci di commento dei giorni scorsi di fronte alle bozze del nuovo provvedimento. Diviso su molto, il governo ha comunque trovato l’intesa su tre nomine molto importanti: il nuovo comandante della Guardia di finanza, che sarà il generale Zaferana, il nuovo ragioniere generale dello Stato, Mazzotta, e l’ufficializzazione di Tridico alla guida dell’Inps