Foligno, polemica sul candidato sindaco che scrive post razzisti su Facebook

I post risalgono a un paio di anni fa, ma sono tornati a circolare adesso, in campagna elettorale

A Foligno, in provincia di Perugia, a breve ci sarà un ballottaggio per l’elezione del Sindaco della città. A combattersi la fascia tricolore ci saranno, domenica 9 giugno, Luciano Pizzoni (centrosinistra) e Stefano Zuccarini (centrodestra).

Su Zuccarini in questi giorni è scoppiata la polemica: a far discutere sono alcuni commenti che il candidato sindaco in quota Lega ha pubblicato sui social negli anni passati. Nonostante di tempo ne sia passato, Facebook ha conservato le tracce di quei messaggi.

Gli screenshot, postati anche da altri utenti, risalgono a un periodo precedente la tornata elettorale, più precisamente al 2016 e al 2017. Le dichiarazioni che Zuccarini fa nei commenti hanno toni dichiaratamente razzisti.

Un esempio su tutti è un post risalente al 2017, segnalato da Fanpage, dopo la notizia del concerto del rapper Bello Figo (evento poi annullato per via degli insulti e delle minacce ricevute dall’artista). Il concerto era stato così accolto dal candidato leghista: «Non si tratta di andare a vedere o meno. Si tratta di vietare i testi di questo coglione».

E poi: «Non è ironia quella. Se le scrivesse un italiano nei confronti dei clandestini starebbe sotto chiave. Ma il problema è che certi italiani sono più anti-italiani di lui e godono da sempre a vedere e perseguire lo sfascio culturale etnico dell’Italia. Il problema è la cultura di sinistra cancro di questa società. Zecche godetevi Bello Figo. Per me può anche morire».

Open ha provato a contattare Stefano Zuccarini per chiedergli una replica, ma finora non è stato possibile averla.

Leggi anche: