Bolivia, strage di animali: nelle foreste devastate dalle fiamme più di 2 milioni di vittime

Migliaia di giaguari, puma e lama, ma anche formichieri, tassi, tapiri e roditori hanno perso la vita

Una vera e propria strage di animali selvatici. È questo il tragico bilancio di settimane di incendi che hanno colpito la Bolivia, dove vaste aree di foreste sono state distrutte dalle fiamme. Giaguari, puma e lama non hanno avuto scampo nei roghi che hanno colpito la savana tropicale Chiquitania nell’Est del paese.

La professoressa Sandra Quiroga dell’Università di Santa Cruz ha rivelato i numeri del disastro: «Abbiamo consultato i biologi della Chiquitania e abbiamo superato la stima di 2,3 milioni di animali dispersi in molte aree protette», ha detto la professoressa Sandra Quiroga dell’Università di Santa Cruz».

Avrebbero perso la vita, secondo i biologi, anche migliaia di formichieri, tassi, tapiri e roditori. Quattro milioni di ettari sono stati divorati dalle fiamme da agosto: la “foresta primaria”, 100 ettari nella riserva di Tucavaca, nel dipartimento orientale di Santa Cruz, di fatto non esiste più.

I media locali hanno diffuso le immagini delle carcasse di animali carbonizzati e di uccelli che cercavano di mettersi in salvo migrando verso le aree risparmiate dagli incendi. Quinoa non ha dubbi: «La foresta è completamente carbonizzata e il danno è irreversibile. Non si tornerà mai più alla normalità».

I roghi sono iniziati a maggio, ma si sono intensificati nel mese di agosto quando entrati in azione speciali aerei antincendio, un Supertanker Boeing 747 e un russo Ilyushin, oltre a elicotteri, 5.000 vigili del fuoco, soldati e polizia. Secondo gli ambientalisti la responsabilità del disastro sarebbe del governo presieduto da Evo Morales, che ha dato il via libera agli incendi di foreste e pascoli con il fine di allargare la produzione agricola. Dal fronte governativo invece si punta il dito sul clima secco e i forti venti.

Il comandante in capo delle Forze armate boliviane, generale Williams Kaliman, solo ieri 24 settembre ha dichiarato che i focolai di incendio sono sotto controllo «grazie ad un efficace intervento aereo e terrestre». In una intervista con l’emittente ‘Red Patria Nueva’ l’alto ufficiale ha confermato che «abbiamo praticamente sotto controllo le fiamme, non sono state completamente spente, ma sono controllate e nei giorni a venire diminuiremo molto i focolai esistenti».

Dagli 8.000 iniziali, ha poi detto, i focolai erano stati ridotti la settimana scorsa a 2.200, e fra lunedì e martedì si sono ridotti ulteriormente a 1.800, «perché esiste un lavoro molto buoni per terra e cielo» e condizioni meteorologiche favorevoli.

Per frenare l’avanzamento degli incendi, ha quindi spiegato, sono state costruite almeno 18 ampi viali tagliafuoco ed aggiunto che la maggior parte dei focolai residui si trovano nei municipi di Concepción e San Ignacio de Velasco nella Chiquitania. Il generale Kaliman ha infine detto che «ora siamo più tranquilli, anche perché le condizioni meteorologiche ci aiuteranno. Sta aumentando l’umidità e sono previste piogge per i prossimi giorni».

Leggi anche: