Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Secondo alcuni media italiani Stephan Ballier voleva uccidere «quanti più bianchi possibile», ma il suo manifesto dice altro

Rita Katz aveva scritto «kill as many anti-whites» ma la traduzione cambia tutto in alcuni giornali italiani

Non ci siamo. Si è parlato a lungo del nazista Stephan Ballier e dell’attentato da lui compiuto a Halle. Il suo movente era l’antisemitismo, ma anche l’odio verso chi lui ritiene «anti-bianco», ma alcuni media italiani hanno riportato tutt’altra narrativa creando rischiando di confondere gli utenti. Lo riporta su Twitter un attento Evariste:

Come diffondere disinformazione online in Italia. Basta copiarsi a vicenda, senza controllare la fonte originale. (non so chi per primo abbia commesso l’errore)

Il tweet che riporta l’errore delle testate italiane.

Nel documento pubblicato online dal nazista era ben chiaro il suo intento, scritto in inglese al punto 3 degli obiettivi da lui prefissati:

3. Kill as many anti-Whites as possible, jews preferred.

Gli obiettivi a pagina 9, in fondo il bonus: “Don’t die”, “non morire”.

Il Giornale, nell’articolo del 10 ottobre alle ore 10:03 scrive che invece l’attentatore voleva uccidere i bianchi:

“In rete è apparso un documento Pdf che sembra essere il manifesto dell’attentatore di Halle, Stephan Balliet. “Voglio uccidere più bianchi possibili, soprattuto ebrei”

Secondo Il Giornale Balliet voleva uccidere i bianchi.

Ecco quanto riportato da TGcom24:

“Voglio uccidere più ebrei possibili” – Stephan Balliet voleva “uccidere quanti più bianchi possibile, soprattutto ebrei”.

Errore di traduzione da TGcom24? La cosa si ripete anche altrove.

Proseguiamo con Il Messaggero (anche Il Gazzettino):

Stephan Balliet, l’autore dell’attacco alla sinagoga di Halle in Germania, voleva «uccidere quanti più bianchi possibile, soprattutto ebrei».

Stesso discorso per Il Messaggero.

Ci casca anche Il Fatto Quotidiano:

L’obiettivo di Balliet era “uccidere quanti più bianchi possibile, soprattutto ebrei“, come ha fatto sapere su Twitter Rita Katz, direttrice del Site, il gruppo di monitoraggio dell’estremismo in rete.

Si basano su Rita Katz, ma sbagliano la traduzione.

Blitquotidiano va oltre e scrive «meno bianchi»:

Stephan Balliet, l’autore dell’attacco alla sinagoga di Halle in Germania, voleva “uccidere meno bianchi possibile” e “soprattutto ebrei”.

Non «più bianchi», ma «meno bianchi» secondo Blitzquotidiano.

Citano Rita Katz, ma lei aveva scritto correttamente quello che l’attentatore aveva riportato nel suo manifesto:

States objective to “kill as many anti-whites as possible, Jews preferred.”

«kill as many anti-whites» scrive Rita Katz, non «kill as many whites».

Un errore dovuto a un copia incolla di agenzia, senza aver controllato la fonte. Fabio Chiusi riporta in un tweet il lancio di agenzia da parte di Ansa con la traduzione sbagliata:

22:55 — tweet di Rita Katz

23:23 — prima agenzia dell’Ansa, con l’errore.

Svelato l’arcano: come (troppo) spesso accade, la fonte del problema sono lanci di agenzia imprecisi, che non vengono verificati o corretti.

Il tweet di Fabio Chiusi che trova la fonte dell’errore

Leggi anche: