Tatuaggi, colore verde ritirato dal mercato perché cancerogeno: l’avviso del ministero della Salute

Nemmeno un mese fa uno studio aveva rivelato la tossicità di 1 campione su 5 di inchiostro

Niente più tatuaggi verdi, o, almeno nessun tatuaggio che sia sottoposto al Lime Green, il pigmento verde sotto posto a ritiro in seguito alla comunicazione diramata dal ministero della Salute, perché cancerogeno.

Il prodotto è distribuito dalla ditta 151SRLS di Torino. Come dichiarato dal ministero, «L’articolo è stato sottoposto a divieto di commercializzazione, ritiro e richiamo».

Un precedente si era già creato neanche un mese fa: un controllo del comando dei carabinieri per la Tutela della Salute aveva evidenziato come esistano sostanze tossiche o cancerogene in 1 campione su 5 di inchiostro usato per tatuaggi.

La ricerca è stata svolta d’intesa con il ministero della Salute su segnalazione del comando dei carabinieri che svolge un costante monitoraggio sulla regolarità e l’innocuità dei prodotti a base di inchiostro usati per la realizzazione di tatuaggi.

Leggi anche: