Mafia nel Foggiano, ucciso a fucilate il boss Pasquale Ricucci

La guerra tra i clan del Gargano va avanti dagli anni Ottanta

Pasquale Ricucci, 45 anni, considerato un elemento di spicco del clan Lombardi – Ricucci – La Torre, erede dei Romito e in lotta con il clan dei Libergolis – Miucci, è stato ucciso in un agguato nella frazione Macchia di Monte Sant’Angelo, in provincia di Foggia.

L’uomo stava rincasando quando è stato colpito da una raffica di proiettili esplosi con un fucile. Ricucci, noto anche con il nome «fic secc», ha precedenti per detenzione e porto abusivo di armi. Secondo le prime ricostruzioni, sarebbero stati esplosi almeno 9 colpi di fucile, ma sulla dinamica dell’agguato sta indagando il reparto investigativo di Foggia. 

La guerra tra i clan del Gargano va avanti dagli anni Ottanta, ma secondo fonti del consiglio superiore della Magistratura oltre l’80% dei 300 omicidi correlati alla faida tra i diversi clan del territorio risulta ancora privo di un colpevole.

Leggi anche: