Coldplay, stop ai concerti con l’uscita del nuovo album: «Inquinano troppo»

Il frontman Chris Martin ha annunciato di volersi prendere un anno o due per ideare un «tour sostenibile»

L’ha detto chiaramente Chris Martin, il frontman dei Coldplay: non faranno concerti per il nuovo album «Everyday Life», uscito oggi. «Ci prenderemo del tempo nel prossimo anno o due per lavorare su come il nostro tour possa non solo essere sostenibile ma addirittura avere effetti positivi» ha affermato Martin in un’intervista con la BBC in Giordania, dove la band ha suonato il 22 novembre. E ha aggiunto: «Il nostro sogno è fare un concerto dove non venga utilizzata plastica monouso e che sia in gran parte alimentato a energia solare».

L’ottavo album del gruppo rock, conosciuto per canzoni come Yellow, Paradise e Viva la Vida, è diviso in due parti: «alba» e «tramonto». L’unico concerto con cui la band britannica presenterà l’album si terrà al museo di storia naturale di Londra lunedì. Tutti i proventi andranno all’associazione ambientalista ClientEarth.

I Coldplay non sono il primo gruppo a dimostrarsi spiccatamente ambientalista, nonostante il loro sia forse il gesto più coraggioso compiuto in questo senso da un gruppo musicale. Prima di loro, The 1975 hanno scritto una canzone con un featuring di Greta Thunberg che parla dell’emergenza climatica.

Leggi anche: