Buffagni durissimo con Salvini: «Sei tu che hai regalato i soldi ad Autostrade dei Benetton»

Salvini «evidentemente continua a tutelare solo i Benetton come un “sovranista da salotto” qualunque»

«Leggo Salvini citare costantemente l’Unione Sovietica anche sul caso autostrade! Sono BALLE!!!!». È durissimo l’attacco di Stefano Buffagni, viceministro dello Sviluppo Economico del M5s, contro la Lega e il suo leader.

«Lo fa solo per difendere i Benetton rispetto ai cittadini. L’esperto di Russia e soldi dei privati però è il suo amico Savoini… non noi!», chiosa il viceministro. «Stia sereno, noi stiamo lavorando perché è fondamentale garantire la sicurezza degli italiani, è necessario abbassare i costi delle autostrade ed è fondamentale bloccare tutto questo scempio».

E l’affondo: «Noi non barattiamo i profitti privati con la sicurezza degli italiani e non lo permettiamo a nessuno!».

https://www.facebook.com/sbuffagni/photos/a.553907708008363/2710199939045785/?type=3&theater

I Benetton, per il viceministro dello Sviluppo economico, «hanno questo trattamento di favore che pone i costi sulle spalle dei cittadini e i profitti a una società privata grazie a una concessione vergognosa approvata in Parlamento dal governo Berlusconi con la Lega e sopratutto con il voto favorevole di Matteo Salvini in persona», scrive su Facebook.

«E sapete questa società privata dei Benetton chi ha finanziato negli anni? Tutti i partiti politici compresa la Lega. Gli unici a non prendere quei soldi siamo stati noi del Movimento 5 Stelle», dice il pentastellato.

«Noi stiamo lavorando, nel pieno rispetto del diritto, a tutelare gli italiani seguendo tutti gli iter previsti per evitare che disastri come quello di Genova o di qualche giorno fa non accadano più – continua -. Noi tuteliamo la sovranità della Repubblica italiana nei fatti facendoci rispettare come governo italiano da qualsiasi multinazionale, compresa quella dei Benetton. Salvini evidentemente invece continua a tutelare solo i Benetton come un “sovranista da salotto” qualunque».

Leggi anche: