Europa League, la Roma pareggia e va avanti da seconda. Fuori Lazio e Borussia M’gladbach (primo in Bundesliga)

I giallorossi passano, ma ora rischiano un accoppiamento duro. Fuori dai sedicesimi diverse big

Una serata di Europa League, annunciata normalissima, diventa normale e per qualcuno assurge pure a beffarda. Come da pronostico la Lazio versione europea dà le spalle a quella del campionato: perde 2-0 a casa del Rennes e saluta la competizione, dalla quale si era già virtualmente congedata; dalla quale sarebbe comunque uscita in virtù della vittoria del Cluj contro il Celtic di Glasgow.


https://www.instagram.com/p/B5_BPUwqTpP/

Roma, pericolo inglese

Va avanti, invece, la Roma. Serviva un punto alla squadra di Fonseca. Il punto arriva all’Olimpico contro il modesto Wolfsberger (2-2), ma è una beffa perché i giallorossi buttano all’aria il primo posto e passano da secondi: non saranno testa di serie nei sorteggi di lunedì a Nyon. E, dunque, la Lupa rischia di beccare anche le varie Ajax, Manchester United e Arsenal. Non benissimo se si pensa che da primo nel raggruppamento della Roma è passato il Basaksehir, che è andato addirittura a vincere sul campo del Borussia M’Gladbach, la capolista della Bundesliga (1-2). Decisivo un gol di Crivelli nel recupero.

All’Olimpico, per la cronaca, i giallorossi sono stati ripresi due volte. Avanti con Perotti su rigore e poi con Dzeko (26esimo centro europeo con la Roma), gli uomini di Fonseca si sono fatti riprendere da un autogol di Florenzi (periodo nero per il capitano di giornata) e Weissman. Fischi per Under che, all’atto della sostituzione, ha replicato con un sorrisetto sarcastico. A fine primo tempo, inoltre, si sono uditi alcuni buu indirizzati all’ivoriano degli austriaci, Niangbo. Tutto coperto dalla stragrande maggioranza dello stadio, Curve comprese.

Foto di copertina Ansa

Leggi anche: