Juve, tridente da favola contro l’Udinese (3-1). Milan pari e sfortuna, perde l’Atalanta

Doppietta Cr7, poi Bonucci. Il Sassuolo frena il Diavolo, Dea ko 2-1 a Bologna

Come nelle previsioni e con un bel regalo per gli amanti dell’estetica: la Juve del tridente Dybala-Higuain-Ronaldo funziona; almeno contro le piccole. Allo Stadium non c’è scampo per l’Udinese, travolta 3-1. Fa tutto nel primo tempo la squadra di Sarri, che torna in vetta aspettando Fiorentina-Inter: doppietta di Cr7 (per lui anche un palo) e rete di Bonucci. Meravigliosi i fraseggi del tridente, da testare ore in scenari e contro avversari più insidiosi. L’Udinese si rende pericolosa solo nel secondo tempo quando il quoziente di concentrazione e fame della Juve scende come il galleggiante della benzina sulla più ripida delle salite. Al 94′ Pussetto limita il passivo.


https://www.instagram.com/p/B6GSQIqIipf/


A San Siro, invece, il Milan non va oltre lo 0-0 contro il Sassuolo e si morde le mani. La terza vittoria consecutiva si sbriciola di fronte alla sterilità offensiva dei rossoneri. Bennacer si mangia un gol a porta vuota. Bonaventura fa lo stesso nella ripresa, quando Leao (entrato al posto di Piatek) prende pure una traversa e un palo. La sfortuna ci mette del suo.
A Bologna cade l’Atalanta 2-1. Palacio e Poli regalano i 3 punti a Mihajlovic. Il tentativo di rimonta della Dea, orfana di Zapata, Ilicic e Gomez tenuto a riposo, si ferma al gol di Malinovski.

Il tridente della Juve: l’analisi

Ronaldo vertice alto, Dybala lavora da trequartista, Higuain parte da lontano

L’unico bianconero in rilievo allo Stadium è quello della Juve. Troppo divario tecnico, troppi punti persi per deconcentrazione: la squadra di Sarri è un tritatutto nei primi 45′ nei quali rimpicciolisce l’Udinese oltre i suoi limiti, sperimentando la forza d’urto del tridente Dybala-Higuain-Ronaldo. Attacco da bar, diceva Sarri nel precampionato. Attacco luculliano nei fatti, anche se va testato in faccia a squadre più forti e meno basse di baricentro. Intanto quei tre fanno faville e incastrarli nel 4-3-1-2 è una forzatura.

Guardare primo e secondo goal di Ronaldo per credere. Sul primo è un controllo difettoso di Dybala (prima punta nella circostanza) a scatenare la forza e la precisione del portoghese. Sul secondo, come evidenziamo nel frame sopra riportato, è Ronaldo a fare la punta con Higuain addirittura rifinitore (e non è stato un episodio isolato). Il tris di Bonucci ha fatto il resto. Nella ripresa paratissima di Buffon e pallonetto delizioso di Dybala (su solita combinazione Ronaldo-Higuain) che bacia la traversa. Poi il gol della bandiera (meritato) dei friulani, volenterosi e pericolosi nel secondo tempo.

Foto di copertina Ansa

Leggi anche: